SHARE

Cape Town, Sud Africa- Qualche problema a bordo di Maserati alla Cape2Rio nella notte scorsa: una volante si è rotta durante una strambata e poco dopo è esploso anche un asimmetrico. Sia la volante sia lo spi sono stati sostituiti e ora il VOR 70 italiano ha ripreso la sua corsa verso Rio de Janeiro.

Così Giovanni Soldini: “Stanotte dopo una strambata ci siamo accorti che lo strallo non aveva la tensione minima normale e dopo un rapido check abbiamo capito che si era rotta una volante. Fortunatamente ne avevamo a bordo una di scorta. Corrado Rossignoli e Guido Broggi sono saliti subito sull’albero, di notte, per cambiare il cavo in PBO e siamo ripartiti. Siccome i guai vanno sempre in compagnia, poco dopo facendo una strambata il nostro spi nuovo, per la verità un po’ troppo leggero, si è suicidato ed è esploso. Ora stiamo navigando con uno spi che non è quello adatto a questecondizioni, ma ce la caviamo lo stesso bene”.

Maserati in navigazione nell'Aliseo
Maserati in navigazione nell’Aliseo

Le rotture e le riparazioni notturne hanno rallentato Maserati che ha visto ridursi il distacco dai suoi due avversari. Il Volvo 70 modificato italiano sta procedendo con bordeggio in poppa nell’Aliseo di SSE e si trova già a una latitudine inferiore a quella di Rio, 20° Sud contro i 22° 50′ della città carioca. Per cui a breve Maserati dovrà necessariamente iniziare a riavvicinarsi alla rotta ortodromica. Al rilevamento delle 13:15 di oggi Maserati era a 1.818 miglia da Rio de Janeiro, con Explora (Open 60 sudafricano) a 280 miglia di distanza e dal 52 piedi australiano Scarlet Runner a 313 miglia. Entrambi gli inseguitori si trovano su una rotta più meridionale.

Per la vittoria overall in tempo compensato, al momento, sembrerebbero avvantaggiate le barche della divisione IRC 2, con lo Sparkman & Stephens 39 Perie Banou Rolly Tasker dell’australiano Jon Saunders, al momento in testa di una classifica ovviamente assai provvisoria. Da notare come Saunders sia un navigatore assai esperto, essendo l’unico uomo ad aver circumnavigato no stop il globo per tre volte (nel 1986-88).

Il record della regata appartiene a Zephyrus IV, un maxi americano di 74 piedi, che nel 2000 compì il percorso in 12 giorni, 16 ore e 49 minuti.

www.cape2Rio.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here