SHARE

Düsseldorf, Germania- Si è chiusa ieri la 45esima edizione del Boot di Düsseldorf e per molti cantieri è arrivato il momento dei bilanci. Tra questi c’è il colosso tedesco Bavaria, presente al salone nautico tedesco con l’intera gamma vela, che comprende nove modelli dal Cruiser 37 al Cruiser 56. Bisogna segnalare anche le due world premiere: il Cruiser 41 S e il Cruiser 51, sul quale il cantiere punta molto per le caratteristiche e le soluzioni adottate.

“Il mercato Europeo del diporto ha un segno negativo a doppia cifra per quel che riguarda l’ultimo triennio. Al contrario BAVARIA registra un segno positivo. Quindi la strada è quella giusta” sottolinea Remy Dayan, CEO di M3 Servizi Nautici, importatore BAVARIA Motor&Sailing Yacht. “I nuovi modelli piacciono perché si percepisce il gran salto di qualità e l’attenzione alle esigenze della clientela – commenta Carlo Giordano, Responsabile Settore vela dell’importatore ligure – il tutto enfatizzato dal rinomato value for money e da nuove performance di navigazione ai top per la categoria dove non passa inosservata la mano di Farr Yacht Design”.

Ma sono stati giorni importanti anche per le novità progettuali presentate, a cominciare  dall’Easy 9.7. Con quasi 10 metri di scafo, si inserisce perfettamente tra il divertente B/one (presentato con una nuova versione MK II) e il best seller Cruiser 33, da cui deriva. Con un prezzo d’attacco di 49.950 euro. Novità di cui vi parleremo prossimamente.

La linea Cruiser di Bavaria esposta allo scorso Boot
La linea Cruiser di Bavaria esposta allo scorso Boot

“Arrivare a questi livelli di competitività mantenendo standard qualitativi così alti necessita di impianti di produzione efficienti ed efficaci. Pur avendo già processi industriali all’avanguardia, il management sta investendo enormi risorse per incrementare ulteriormente il gap con altri brand del settore – questo il commento di Raffaele Dayan, Process Director di M3 Servizi Nautici – già da 6 mesi è stato implementato un nuovo processo informatizzato per la gestione dell’after sales, decine di stazioni Quality Control lungo la catena di produzione, dove nessun errore è più ammesso: chiunque compia più di tre errori è costretto a trovarsi un nuovo posto di lavoro”.

“Abbiamo visto BAVARIA crescere negli anni, ma oggi il passo si è allungato e la determinazione del management e della proprietà è chiara: diventare Brand numero uno al mondo, con nuovi prodotti, nuove fasce di mercato e una nuova brand perception”, spiega Alessia Dayan, Responsabile Marketing.

www.m3nautica.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here