SHARE

Bari- Mare piatto, cielo nuvoloso e vento da Scirocco tra i 18 e i 20 nodi: è iniziata così la XIV Coppa “Il Maestrale”, prima prova della seconda manche del Campionato Invernale d’Altura “Città di Bari”, vinta da “Scricca” (CV Bari) di Gianfranco Cioce, per la classe altura, e da “Follevolo Pegasus” (Cus Bari) di Antonio e Giuseppe Pastore, con Josef Pastore, per i mini altura.

Venticinque (13 mini altura e 12 altura)  in tutto le barche che si sono schierate sulla linea di partenza per affrontare  un  percorso di circa 9 miglia nautiche, allestito dal Comitato di Regata sulla rotta Bari- Santo Spirito – Bari.

Tra gli iscritti anche l’ultima arrivata in casa pugliese, il Neo 400, progettata da Ceccarelli YD e costruita interamente in Puglia da Paolo Semeraro (CV Bari) e presentata al grande pubblico solo venerdì scorso, che ha fatto il suo debutto in regata proprio in questa prima prova della seconda manche del campionato barese.

Il Neo 400 al debutto a Bari
Il Neo 400 al debutto a Bari

Nella classifica crociera/regata ancora prima “Scricca”, seguita al secondo posto da “Exprivia Luduan” e al terzo posto da “Pervinca” di Cosimo Ostuni (LNI Monopoli) con al timone Francesco Laera (LNI Monopoli).
“Orione” (LNI Bari) di Nunzio Pio Bellincontro con al timone Salvatore Cervellieri (LNI Bari) è prima fra i grancrociera. Seconda “Filippo I” di Matteo Loiudice (CN Bari) e timonata da Salvatore Sforza (CV Bari). Medaglia di bronzo per “Voglia di…” (CV Bari) di Angela Stefania Fanelli, timonata da Massimo (CN Bari).
Nella classe Surprise domina “Cocò”, seguita da “Gamberetto” e “Nellaria” (CN Bari) di Vito Laforgia, timonata da Fabrizio Buono (CV Bari).

Il prossimo appuntamento con il “Città di Bari” è per il 23 febbraio con la XV Coppa Cus, per poi passare al Trofeo Marisabella organizzato dal CN Bari che, nato lo scorso anno, per la prima volta entra a far parte degli organizzatori del campionato invernale di Bari. Le ultime due giornate saranno sabato 22 e domenica 23 marzo con il XXVII Trofeo Domingo Milella a cura della LNI Bari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here