SHARE

Singapore- Che botto alle Extreme Sailing Series. Nella giornata di oggi, penultima dell’Act 1 in corso a Singapore, si stava disputando la prova numero 20, la quinta della giornata. Team Aberdeen Singapore con Nick Moloney al timone ha investito da mure a dritta Groupama di Franck Cammas che procedeva a bassa velocità  in poppa durante l’ultima strambata prima dell’arrivo, senza che Cammas potesse far nulla per evitare la collisione.

Aberdeen "sopra" Groupama. Foto Lloyd Images
Aberdeen “sopra” Groupama. Foto Lloyd Images

Il tutto a causa di una raffica improvvisa, tipica della giornata con venti tra i 5 e i 23 nodi nella spazio acqueo racchiuso tra i grattacieli di Singapore, che ha fatto sollevare lo scafo di dritta di Aberdeen, che è letteralmente volato sopra Groupama sdradicando di netto l’albero dell’Extreme 40 francese.

Nell’angolo in alto a sinistra dell’immagine si nota Aberdeen mure a dritta che “vola” sopra Groupama:

Fermo immagine dal video EXSS
Fermo immagine dal video EXSS

Le conseguenze: Groupama disalberato con tre uomini in acqua

Fermo immagine dal video EXSS
Fermo immagine dal video EXSS

Tre uomini dell’equipaggio sono stati sbalzati in acqua e uno di essi, Tanguy Cariou, ha riportato, secondo quanto riferito dallo stesso Cammas, leggere contusioni al volto. Nulla di grave, in rapporto alla spettacolarità della collisione, visto che i due cat si sono completamente incastrati l’uno sull’altro.Sono in corso a Singapore i lavori per rimettere in sesto Groupama in vista dell’ultima giornata prevista per domani.

Per vedere la sequenza dell’incidente, al minutaggio tra 48:25 e 49:00 del video live qui sotto:

http://www.youtube.com/watch?v=4JC4iofIgx4&feature=share

Per la cronaca, dopo 21 prove è in testa The Wave Muscat.

www.extremesailingseries.com

1 COMMENT

  1. Con un vento così ballerino in uno spazio alquanto ristretto tra i grattacieli di Singapore regatare con i velocissimi e ingombranti catamarani dava per scontato che avremmo visto botti del genere. C’è da meravigliarsi che non ve ne siano stati diversi, e per fortuna nessuno dei numerosi equipaggi si è fatto male.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here