SHARE

Cala Galera- Domenica 23 febbraio, nell’ambito del Campionato Invernale dell’Argentario organizzato dal Circolo Nautico e della Vela Argentario, era in programma la regata costiera da Porto Ercole a Giannutri (con periplo dell’Isola per le barche della categoria Regata) e ritorno, con traguardo intermedio davanti a Cala Maestra a Giannutri per dividere la regata in due frazioni.

Partenza puntuale alle ore 11,00 con un leggero vento di levante (3 – 4 nodi) con freddo e nuvole. Passata la boa di disimpegno però ben presto appariva il sole e saliva un leggero vento di Maestrale (8/10 nodi) che illudeva i partecipanti di arrivare a Giannutri velocemente sotto spy o gennaker con un bordo solo. Mentre gli Swan 45 “Ulika” di Andrea Masi e “Aphrodite” di Pier Francesco Di Giuseppe ed il Grand Soleil 43 di Mario Aquila “Vani tè” sfilavano via spediti “Pierservice-Luduan” un Grand Soleil 46 di Enrico De Crescenzo con equipaggio prevalentemente di “Monte Argentario” (infatti si chiamano Monte Argentario Sailing Team) incappava in una serie di problemi e non riusciva ad issare il gennaker rimanendo attardato nelle ultime posizioni.

La splendida Giannutri, "boa" di lusso per la regata dell'Argentario
La splendida Giannutri, “boa” di lusso per la regata dell’Argentario

Però a circa due miglia dall’isola il vento calava improvvisamente rimescolando le posizioni e favorendo le barche rimaste sul lato destro del percorso, che riuscivano per prime ad entrare in un nuovo leggero vento prima di ponente e poi definitivamente di maestrale sostenuto. Ne approfittava “Pierservice-Luduan” che riusciva, dalle ultime posizioni, a rientrare nel gruppo a ridosso dei primi. Tagliavano per primi il traguardo intermedio di Giannutri in tempo compensato nella categoria regata IRC 1° raggruppamento “Vani tè”, “Barracuda”, un Comet 33 di Mario Rolla, nel 2° raggruppamento, “Ulika” lo Swan 45 di Andrea Masi nella categoria O.R.C. e  “My Fair Lady” l’Este 39 di Massimo Cadeddu nella categoria Diporto.

Il ritorno verso l’Argentario procedeva spedito per tutti i partecipanti con una bellissima bolina con un vento di Maestrale di 13/15 nodi ma, come di consueto, il vento lungo la costa dell’Argentario, dall’Avoltore all’arrivo a Cala Galera, riservava sorprese con cambi di intensità e di direzione che impegnavano i tattici a bordo in un bellissimo duello tra chi passava sotto costa (avendo la meglio) e chi si teneva più al largo.

Le scelte tattiche premiavano nella categoria IRC “Miles Ahead” il First 30 di Michele Mariotti che si aggiudicava la combinata (delle due frazioni di percorso) non solo nel suo raggruppamento, il 2°, ma anche sopravanzando le barche più grandi del 1° raggruppamento. Ottima prova anche di “Barracuda” e di “Otaria”, il Comet 38 di Marco Paoletti che arrivavano rispettivamente secondo e terzo anch’esse sopravanzando imbarcazioni più grandi del 1° raggruppamento.

Nella categoria IRC 1° raggruppamento tagliava il traguardo per primo, “Vani tè” seguito da “Excalibur” un Salona 45 di Onda Blu Sail di Ruggero Giannini e da “Pierservice-Luduan” che però si rifaceva nella categoria ORC, dove, col suo grande recupero, vinceva davanti ad “Excalibur” ed a “Ulika”.

Nella categoria Diporto la classifica combinata vedeva “My Fair Lady” davanti a “Galahad” un prototipo di Gerhard Niebauer e da “Bruttivizi 2” il Gran Soleil 40 di Stefano Nasi a pari merito con “Tre Stelle” , l’Impala 35 di Marco Scalbi.

La classifica generale della II Manche vede al comando:

–     “Vani tè” nel 1° raggruppamento IRC Regata;

–     “Miles Ahead” nel 2° raggruppamento IRC Regata;

–     “Ulika” nella categoria “ORC”;

–     “My Fair Lady” nella categoria Diporto.

Con le regate di sabato 8 e di domenica 9 (per il recupero delle prove non disputate per ragioni meteo) si concluderà il Campionato con la disputa in contemporanea anche del Trofeo Fabrizio Serena. La premiazione avverrà a Cala Galera domenica 9 al termine delle regate.

www.cnva.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here