SHARE

Rimini- Michele Zambelli protagonista lunedì 24 febbraio, al Club Nautico Rimini. Un pubblico numeroso lo ha accolto insieme al suo mini Fontanot ITA 342 per ascoltare il racconto della Mini Transat 2013 che lo ha visto protagonista conquistando il 10° posto nella Categoria Proto. Il Presidente del Club Nautico, Pietro Palloni e Luca Conti di Albatros Scuola Nautica, hanno presentato lo skipper forlivese che per l’occasione era accompagnato dal giovane velista elvetico Alan Roura, anche lui partecipante alla Mini Transat e classificato 11° nella stessa categoria di Zambelli.

Fontanot in banchina a Rimini attrniato dal pubblico della conferenza
Fontanot in banchina a Rimini attrniato dal pubblico della conferenza

Durante la serata sono state ripercorse le fasi iniziali del progetto come l’incontro con Zamagna, proprietario del Prototipo ITA 342 con il quale Zambelli ha partecipato alla Mini Transat, fino alle scelte strategiche che hanno permesso allo skipper romagnolo di conquistare un meritato 10° posto nella categoria Proto, in 24 giorni di navigazione no stop e in solitario.

Si è parlato anche di futuro e Michele Zambelli ha presentato il suo progetto che lo vedrà protagonista con una nuova barca alla Mini Transat nel 2015, che grazie alla conferma dello sponsor si chiamerà Fontanot ITA 788.
Per Alan Roura i progetti futuri lo porteranno alla grande impresa della Vendeè Globe 2016, regata intorno al mondo in solitario senza scalo e senza assistenza, dimostrando ancora una volta che la Mini Transat è la scuola per i grandi nomi della vela oceanica.

Al termine della serata il Presidente Pietro Palloni ha annunciato a Michele Zambelli di essere stato nominato socio benemerito del Club Nautico, dimostrando ancora una volta l’affetto della città di Rimini per lo skipper romagnolo.

Questo il commento tecnico sul proto 788 da parte di tefano Paltrinieri di www.classemini.it:

“788 è un disegno di Axel De Beaufort, titolare dello studio da cui esce anche il Nacira, derivato dal 617 su cui Fabien Despres è arrivato quarto e quinto alle Transat del 2007 e 2009.
Costruito ed alleggerito da Aymeric Chapelier, nel 2011 ha pagato qualche peccato di gioventù, arrivando solo 21esimo alla Transat. L’anno seguente il botto.
Aymeric, ormai padrone del mezzo, ha vinto l’unica regata del calendario oltre alla MiniTransat, che può definirsi di categoria “A”: la Les Sables-Acores.
Ha primeggiato nella classicona superando praticamente tutti i migliori armatori di Proto dell’ultima generazione, da Boidevezi a Pulvè a Pedote, come dire che a Michele non sarà precluso alcun risultato.
Il romagnolo, saggiamente, si allenerà con Aymeric nel mese di marzo e correrà con lui la prima regata del circuito atlantico, per poi catapultarsi alloYCI per correre… il GP d’Italia”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here