SHARE

Miami- Si è conclusa con una giornata senza regate per vento troppo leggero la Bacardi Miami Sailing Week EFG Bank. Le classifiche restano quindi quelle di venerdì.

Bacardi Cup Star

La Star di Lars Grael a Miami
La Star di Lars Grael a Miami. Foto Cory Silken

Le Star dovevano disputare due prove dopo la mancata regata per troppo vento di venerdi, ma questa volta il vento mai superiore ai 5 nodi non ha consentito di concludere una prova valida. Un tentativo c’è stato, con Torben Grael che guidava la flotta con vento leggerissimo ma poi il Comitato ha deciso opportunamente di abbandonare la prova.

La classifica finale vede quindi la vittoria di Lars Grael, il fratello di Torben, che ha regatato benissimo con Samuel Gonzalves a prua. Per il due volte olimpionico di Tornado Lars, che ricordiamo regata con una gamba sola dopo un incidente occorsogli durante un allenamento quando fu investito da un motoscafista ubriaco, si tratta della prima vittoria alla Bacardi Cup. 2-2-1-14 i parziali per lui nelle quattro prove disputate. Al secondo posto gli americani Reynolds-Liljedahl (1-6-3-12) e al terzo Torben Grael-Almeida (3-5-4-5). Un podio ricchissimo, con 4 ori, un argento e 4 bronzi olimpici in tre.

“E’ splendido, è la mia prima Bacardi Cup e la prima per una barca brasiliana”, ha detto Lars Grael, “Sono molto orgoglioso. L’anno scorso c’eravamo andati vicini e quest’anno abbiamo colto nel segno”.

Diego Negri e Sergio Lambertenghi chiudono ottavi (13-4-19-6). Seguono: 32.Irrera-Laporta; 37.Tamburini-Ricci; 39.Falciola-Paloschi

 

Bacardi Miami Sailing Week

Shimmer. Foto Dunigan
Shimmer. Foto Dunigan

Nelle altre classi, che hanno regatato su tre giorni, vince negli Audi Melges 20 (41 iscritti), dopo 5 prove, Ninkasi di John Taylor/Hardesty (9-13-5-3-5 per loro). Secondo è Pacific Yankee di Drew Freides e terzo Shimmer, dove regatavano Russell Lucas, Harry Melges e Federico Michetti. Miglior italiano è Stig di Rombelli con Freddy Loof e Tortarolo, 13esimo (14-11-29-2-27). Seguono: 19.Bombarda, Pozzi/Bressani; 21.Maolca, Vianini Tolomei/Bodini, 23.Asante Sana, Dutto/Togni; 28.Fremito D’Arja, Levi/Bianchi.

Nei Melges 24 (6 iscritti) il vento forte del venerdì ha premiato l’americano Mikey di Kevin Welch che vince tutte le tre prove disputate i quelle condizioni riuscendo a superare in testa alla classifica l’italiano Little Wing di Ardito con Enrico Zennaro al timone.

Nelle altre classi vittorie per: Arethusa di Lotz (Viper 640, 25 iscritti), Rasca di Welles (J70, 40 iscritti), Team Smuggler di Brennan (VX One, 21 iscritti).

http://www.yachtscoring.com/event_results_cumulative.cfm?eID=915

 

Nelle contemporanee 52 US Super Series Azzurra incappa in un brutto sesto ed è ora seconda dietro a Quantum. Oggi la conclusione.

2014 US 52 SUPER SERIES US CHAMPIONSHIP MIAMI
Standings after seven races:
1 Quantum Racing (USA) Doug DeVos (USA) 1,3,2,1,1,4,3 15pts
2 Azzurra (ITA) Pablo A Roemmers (ARG) 4,1,1,2,2,1,6 17pts
3 Interlodge (USA) Austin and Gwen Fragomen (USA) 3,5,3,3,5,3,7 29pts
4 Rán Racing (SWE) Niklas Zennström (SWE) 2,7,4,4,3,6,4 30pts
5 Sled (USA) Takashi Okura (USA) 6,6,6,5,4,2,2 31pts
6 Vesper (USA) Jim Swartz (USA) 5,2,5,6,7,5,5 35pts
7 Hooligan (USA) Gunther Buerman (USA) 7,4,7,7,6 8DNF,1 44pts

Da segnalare questo video con canera onboard di una straorzata di Vesper con vento sui 30 nodi giovedì:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here