SHARE

Bari- Una giornata da vero Campionato Invernale ha accompagnato gli equipaggi iscritti al II Trofeo Marisabella, la terza giornata della II manche del “Città di Bari”, coordinato quest’anno dalla sezione locale della Lega Navale. Organizzata dal CN Bari, la regata di ieri è stata una costiera con un percorso importante da affrontare: circa 15 miglia marine per le 11 imbarcazioni di altura e poco più di sette per le 13 di minialtura.

La partenza, fissata alle 10.30 per l’altura, è slittata di oltre due ore a causa delle condizioni meteo avverse. “Il vento non ne voleva sapere di entrare – dice Vito Laforzia, presidente del CN Bari – e contemporaneamente le onde superavano anche i due metri di altezza. Gli equipaggi hanno sofferto parecchio e devo riconoscere a tutti le grandi capacità di resistenza. La partenza è stata data alle 12.41, appena si è palesata una piccola finestra di vento con 5-6 nodi, inizialmente Maestrale, poi lievemente variato a Tramontana. Ritengo doveroso ringraziare anche gli armatori che ci hanno aiutato nell’organizzazione offrendoci le loro barche come barche comitato o barche giuria, insieme ai posaboe che hanno faticato non poco per sistemare le boe”.

Il Neo 400, la scommessa di Giovanni Ceccarelli e Paolo Semeraro
Il Neo 400 di Paolo Semeraro

Alla fine della prova la prima a tagliare in tempo reale la linea del traguardo allestita nello specchio d’acqua antistante la Fiera del Levante di Bari, è stato il nuovo Neo400 di Paolo Semeraro (CV Bari) che ha impiegato poco meno di due ore per completare il tracciato. A “Neo” è andato anche il primo posto in classifica overall in compensato per l’altura. Sul podio alle sue spalle salgono anche “Scricca” di Gianfranco Cioce (CV Bari), secondo posto, e “Exprivia Luduan Reloaded” di Giovanni Sylos Labini (CV Bari) al terzo.

Per i minialtura, invece, il primo posto in overall è stato conquistato da “Extravagance” di Giuseppe Pannarale (LNI Bari), seguito da “That’s Amore” di Lino Lattanzi (CV Ondabuena) con Alberto Lategola (CV Bari) e da “Yellow Bee” di Andrea Algardi (CN Bari).

Nelle classifiche per classe, per l’altura nella categoria regata troviamo “Neo”, “Exprivia Luduan Reloaded” e “Morgan IV” di Nicola De Gemmis (CC Barion) con Ugo Giordano (LNI Procida) al timone. Per la categoria crociera/regata il podio invece è formato da “Scricca”, sul gradino più alto; “Tridente”, (LNI Manfredonia) di Roberta Manfredonia con Francesco Manfredonia al secondo e “Giorgio I” di Antonio Rinaldi (LNI Manfredonia) al terzo.

In chiusura, per la gran crociera il primo posto è di “Orione” di Nunzio Pio Bellincontro (LNI Bari) con Salvatore Cervellieri (LNI Bari) al timone e il secondo è di “Filippo I” di Matteo Loiudice (CN Bari) con Salvatore Sforza (CV Bari) al timone.

Per i minialtura, invece, l’unica classifica di classe è quella dei surprise che vede al primo posto “Nellaria” di Vito Laforgia (CN Bari) con Fabrizio Buono (CV Bari) al timone, seguita da “Cocò” di Antonello Natuzzi (CUS Bari) con Marco Magrone (CN Il Maestrale) al timone, e da “Argentina” (CN Bari) di Francesco Lorusso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here