SHARE

Napoli- (Antonella Panella) E’ Scugnizza, l’NM 38 di Enzo De Blasio, a vincere la Coppa Giuseppina Aloj, regata costiera organizzata dal Reale Yacht Club Canottieri Savoia con cui si è conclusa la 43° edizione del Campionato Invernale della Vela d’Altura del Golfo di Napoli.

Tornata a correre solo nello scorso appuntamento in cui aveva dovuto ritirarsi a causa di un imprevisto, oggi, la barca disegnata da Maurizio Cossutti, pur essendo partita non benissimo ha sviluppato molto bene la sua velocità, recuperando la flotta lungo il percorso che ha portato le imbarcazioni spinte da un Grecale che è variato dai 15 fino a 21 nodi, a girare la boa nel golfo di Pozzuoli prima di tornare verso l’isolotto di Megaride, dove è stato posto l’arrivo. Un ottimo lavoro quello degli scugnizzi che gli è valso la vittoria over all, riuscendo a competere anche con i più grandi X-41.

Scugnizza a San Vito. Foto Nuccio
Scugnizza in una foto di repertorio. Foto Nuccio

L’hanno seguita Angry Red, di Domenico Cicala e Vlag, di Salvatore Casolaro, primo e secondo nella classifica generale del campionato che vede Sly Fox, di Roberto Fotticchia, al terzo posto.

In classe 0-2 Le Coq Hardì, di Maurizio e Giampaolo Pavesi del Circolo del Remo e della Vela Italia, ha avuto un ottimo passo sui suoi avversari vincendo la prova odierna che gli è valsa anche la vittoria del Campionato. Dietro di se sul podio della Coppa Aloj, Raffica, di Pasquale Orofino e Alcor V, di Gennaro Aversano.

Se Duffy di Renato Calvi, per la classe 4-5, ha vinto l’ultima regata di campionato, anticipando Patricia, di Domenico Buonomo e Lea, di Massimiliano de Martino, il podio si inverte in classifica generale, dove è Patricia ad avere la meglio sull’intrepido Duffy ed una costante Lea.

George, di Paolo Cian si è imposto su Sparviero dell’Accademia Aeronautica ed Elettra dello Sport velico Marina Militare, ma tra i primi due minialtura, in classifica generale troviamo l’ottimo I.L.Y.F.E. di Angelo Lizzi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here