SHARE

Kitzbühel, Austria- Il mondo della cantieristica plaude alla bravura e all’estro creativo di Finot-Conq. Alla scorsa edizione del rinomato ShowBoats Design Awards lo studio francese si è aggiudicato l’ambito Nettuno d’oro nella sezione “Naval Architecture” per il progetto dell’FC3 100 Nomad IV. Una bella notizia che mette di buon umore anche quell’Italia che ancora crede “ostinatamente” nel mare, nella nautica e nel ruolo chiave che essa potrebbe ricoprire per la crescita e lo sviluppo di tutta l’economia nazionale. Perché Nomad IV, oltre a essere un progetto molto interessante seppur nato dalla matita di uno studio d’Oltralpe, rappresenta la rivincita del Made in Italy e di un settore che non vuole arrendersi nonostante le politiche non proprio avvedute della classe politica.

Pascal Conq riceve il Nettuno d'oro, ambito riconoscimento per iol mondo della progettazione navale
Pascal Conq riceve il Nettuno d’oro, ambito riconoscimento per iol mondo della progettazione navale

Arrivato alla sua V edizione, lo ShowBoats Design Award rappresenta uno dei massimi riconoscimenti a livello mondiale per quanto riguarda il design navale a 360 gradi. In questo concorso le regine non sono le barche ma le idee progettuali, più o meno rivoluzionarie, innovative e lungimiranti, proprio come lo è stata quella di Finot-Conq e del suo 100 piedi. La cerimonia di premiazione si è svolta nella città austriaca di Kitzbühel allo Swarovski Crystal Worlds. Sono stati 17 i vincitori nelle diverse categorie di yacht a vela e a motore. A far parte della giuria, presieduta da Nigel Campbell, anche Fabrizio Giugiaro.

Il nuovo Maxi Dolhin in navigazione. L'ammiraglia di 100 piedi è stata la scommessa del cantiere con base a Erbasco destinata a stupire in campo internazionale
Il nuovo Maxi Dolhin in navigazione. L’ammiraglia di 100 piedi è stata la scommessa del cantiere con base a Erbasco destinata a stupire in campo internazionale

Così, dopo aver progettato il Mini 6.50 sul quale Benoit Marie ha vinto la scorsa edizione della Mini Transat e dopo aver firmato il progetto dell’Oceanis 38, vincitore all’European Yacht of the Year, lo studio Finot-Conq aggiunge un’altra importante tacca al suo palmares che già vanta diversi progetti vittoriosi. Tra queste ricordiamo le quattro vittorie nella Vendée Globe, il doppio successo nel 2012 con i design dell’Oceanis 45 e del Pogo 12.50, entrambi premiati all’EYotY, fino a risalire al 1981, quando diedero alla luce Urgent, la prima imbarcazione dotata di canting keel.

Attualmente lo studio di progettazione francese è impegnato su tre nuovi progetti, due fast cruiser e un daysailer. Gli FC3 di 53 e 61 piedi riprendono le linee e le soluzioni già incontrate sul Maxi Dolphin 100, mentre Bihan 6.50 prende ispirazione dal mondo dei Mini ma con un occhio di riguardo anche agli armatori desiderosi di una barca veloce ma abitabile.

Il nuovo progetto dell'FC 61 piedi
Il nuovo progetto dell’FC 61 piedi

Per quanto riguarda invece il loro progetto del Maxi Dolphin FC 100 Nomad IV, vi invitiamo a leggere l’articolo di presentazione cliccando qui.

www.maxidolphin.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here