SHARE

Roma- Inizierà il 4 aprile la mostra fotografica “Secondo il vento faremo le vele”. Curata da Annalisa D’Angelo, documenta documenta l’omonimo progetto nazionale dell’AIPD, acronimo di Associazione Italiana Persone Down, attraverso gli scatti degli allievi velisti con sindrome Down e quelli del fotografo Giuseppe Moccia.

La mostra fotografica, finanziata dal dipartimento per le Pari Opportunità, sarà allestita a Roma alle Officine Fotografiche di via Giuseppe Libetta 1. L’esposizione sarà aperta gratuitamente al pubblico fino al 24 aprile con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 14 e dalle 16 alle 21; sabato dalle 10 alle 14 mentre la domenica sarà giorno di chiusura.

Nel 2005, l’AIPD, sezione di Roma, promosse il progetto educativo “Ragazzi Down al timone”, un percorso educativo triennale che si fonde armonicamente con un corso di vela, utilizzando l’ambiente barca per stimolare le capacità adattative degli allievi.

Le Officine Fotografiche di Roma ospiteranno dal 6 al 24 aprile la mostra fotografica "Secondo il vento faremo le vele". Credits: Giuseppe Moccia
Le Officine Fotografiche di Roma ospiteranno dal 6 al 24 aprile la mostra fotografica “Secondo il vento faremo le vele”. Credits: Giuseppe Moccia

Sulla scia dell’entusiasmo per le iniziative lanciate dalla sezione locale, l’AIPD a livello nazionale ha seguito, con il progetto “Secondo il vento faremo le vele”, questo modello educativo portando in mare 16 persone con sindrome di Down provenienti da Roma e e Pisa.  Affiancati da educatori, istruttori di vela e volontari, gli allievi hanno imparato a condurre un’imbarcazione a vela, mettendosi alla prova nell’autonomia personale e nella relazione di gruppo.

In viaggio per mare, lontani dalle proprie famiglie, gli allievi si sono occupati in prima persona di tutti gli aspetti della gestione della vita in barca: la conduzione e le manovre, la spesa e l’organizzazione dei viveri in cambusa, la rotta, la partecipazione ai turni di guardia al timone, la cucina, le pulizie, le manovre di ormeggio.

A partire dal 2007 Giuseppe Moccia ha fatto parte di numerosi equipaggi redigendo un diario fotografico, intimo e personale, che oggi integra i diari degli allievi del corso 2013, punti di vista differenti per raccontare una storia di mare e integrazione. Durante la serata verrà presentato l’omonimo libro fotografico auto-prodotto che finalizza la collaborazione tra l’autore e l’associazione.

www.officinefotografiche.org

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here