SHARE

Roma- Si svolgerà sabato mattina 29 marzo a Riva di Traiano la prima uscita in mare per i partecipanti del Laboratorio di Vela della Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro realizzato con il Dipartimento di salute Mentale della ASL RM B e l’Associazione velica Granlasco per promuovere un’attività sportiva e formativa orientata alla navigazione a vela rivolta a quasi 40 giovani che stanno seguendo un percorso terapeutico e riabilitativo presso il Centro di Salute Mentale della ASL RM B. Realizzato grazie al contributo del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Laboratorio ha anche lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dello sport velico nello sviluppo della personalità.

Da domani prende il via il Laboratorio della Vela della Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro
Da domani prende il via il Laboratorio della Vela della Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro

Le imbarcazioni utilizzate nella prima giornata di pratica velica saranno tre Beneteau First 31.7, un Beneteau First 36.7 e un Dufour 34. Il programma della giornata prevede dapprima la presentazione delle barche e poi la vera e propria attività a bordo, regolate e parametrate sulla risposta emotiva e comportamentale degli utenti i quali hanno partecipato con assiduità alle lezioni in aula tenute nelle ultime settimane presso la Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro.

Al Laboratorio partecipano oltre 70 persone tra utenti del Centro di Salute Mentale, istruttori di vela, operatori sanitari e volontari della Fondazione Di Liegro. Saranno costituiti equipaggi velici misti in cui tutti i partecipanti si troveranno a vivere una comune esperienza di navigazione in mare aperto nei diversi ruoli che si svolgono a bardo di una barca a vela (prodiere, timoniere, randista, tailer). A curare tutti gli aspetti della navigazione saranno gli istruttori della Associazione velica Granlasco di Roma che metteranno anche a disposizione le loro imbarcazioni a vela.

Il progetto, avviato nel mese di gennaio 2014, consiste in un vero e proprio corso di vela solidale, nonché in attività formative volte all’inserimento socio-lavorativo attraverso visite e stage presso cantieri navali. Il programma prevede anche la partecipazione a manifestazioni veliche e a esperienze di navigazione in flotta allo scopo di far sperimentare agli “equipaggi” nell’ambito di sfide a carattere sportivo e di imprese marinare di lunga durata.

Al Laboratorio partecipano oltre 70 persone tra utenti del Centro di Salute Mentale, istruttori di vela, operatori sanitari e volontari della Fondazione Di Liegro.
Al Laboratorio partecipano oltre 70 persone tra utenti del Centro di Salute Mentale, istruttori di vela, operatori sanitari e volontari della Fondazione Di Liegro.

Le attività in mare comprenderanno circa dieci uscite in barca e la realizzazione di una regata prevista tra giugno e luglio 2014 sulla rotta Riva di Traiano-Isola di Giannutri. Saranno organizzati sei equipaggi ciascuno formato da quattro o cinque utenti della ASL RM B, un operatore della Asl RMB, un istruttore Granlasco, un volontario formato dalla Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro nell’ambito del corso “Volontari e famiglie in rete per la salute mentale” che affiancherà gli operatori nella gestione delle attività dei diversi gruppi. Al progetto, aderisce anche la Federazione Italiana Vela (FIV).

Il Laboratorio di Vela rientra nel più ampio progetto Volontari e Famiglie in rete per la salute mentale che la Fondazione Di Liegro, da quest’anno in partnership con la Fondazione D’Harcourt di Ginevra, sta sviluppando da molti anni. La comunità d’intenti con la Fondazione D’Harcourt sottolinea l’importanza di promuovere una rete di supporto per migliorare le condizioni di vita e il benessere sociale delle persone più fragili e indifese e l’importanza di avviare una nuova cultura della solidarietà a partire dalla diffusione della conoscenza e consapevolezza circa le modalità di affrontare il disagio psichico, un problema che investe moltissime persone e che richiede di essere riconosciuto dalla comunità sociale come dalle Istituzioni.

www.fondazionediliegro.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here