SHARE

Napoli- Va a Spirit of Nerina l’Act 1 delle Melges 32 Audi tron Sailing Series 2014 conclusosi oggi a Napoli. Il Melges 32 di Andrea Ferrari con Roberto Spata alla tattica si è imposto con un totale di 10 punti. Secondo con 19 punti, Torpyone di Edoardo Lupi (tattico Lorenzo Bressani) e al terzo (a pari punti con il secondo) Azimut by Stig di Alessandro Rombelli con Freddy Loof nel ruolo di tattico. In totale sono state disputate sei prove con una di scarto nelle giornate di venerdì e sabato, sempre in condizioni di vento molto leggero.

Spirit of Nerina. Foto Ranchi
Spirit of Nerina. Foto Ranchi

Nella giornata odierna, invece il Comitato di Regata non ha potuto dare il via alle operazioni di partenza a causa di dell’assenza totale di vento. La manifestazione  è stato organizzata da BPSE in collaborazione con Melges Europe e il Comitato Promotore Grande Vela, ed è stato ospitato dal Circolo del Remo e della Vela Italia.

Una vittoria netta quella di Andrea Ferrari e del suo equipaggio la prima per loro nella classe Melges 32, ottenuta con ben nove punti di vantaggio sul secondo e sul terzo classificato. A bordo con Ferrari hanno regatato: Roberto Spata, Carlo Fracassoli, Mirko Bargolini, Michele Diamanti, Verena Weber, Matteo Velicogna e Andrea Serpi. Dopo la premiazione Mirko Bargolini, team manager di Spirit of Nerina, visibilmente soddisfatto ha dichiarato:”Siamo molto contenti per il risultato che ci vede per la prima volta sul podio delle Audi tron Sailing Series e sul gradino più alto. La nostra forza è il gruppo e la voglia di andare insieme in barca. Qui l’abbiamo dimostrato in condizioni per noi ideali e con un grande Roberto Spata che non ha sbagliato veramente nulla. Non eravamo certamente i favoriti di questa tappa e crediamo di non esserlo nemmeno per il circuito, però abbiamo dimostrato di poter dire la nostra e che il nostro approccio di grandi appassionati ci può dare molte soddisfazioni se regateremo con la costanza e lucidità dimostrata in questa occasione. Qui a Napoli abbiamo iniziato un percorso che vorremmo ci portasse a competere oltre che nel Circuito anche fino al Campionato del Mondo di classe che quest’anno sarà oltreoceano”.

Subito ai piedi del podio, rispettivamente al quarto e quinto posto, ci sono  i russi di Synergy GT dell’armatore timoniere Valentin Zavadnikov (tattico Michele Ivaldi) che nel 2013 avevano vinto la tappa inaugurale del circuito a Gaeta e quello esordiente di Malafemmena di Andrea e Arturo di Lorenzo (coadiuvati alla tattica da Matteo Ivaldi). Le acque di casa non sono state amiche per Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato che, nonostante un primo di giornata venerdì scorso, si deve accontentare della sesta piazza finale.

www.melgeseurope.com

La gallery dell Studio Borlenghi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here