SHARE

Capo Horn- Non poche polemiche ha scatenato la decisione di due armatori, Eric Kauffman e James Burwick, di navigare in zone pericolose o remote del globo, esponendoli così a pericoli ingiustificati.

James Burwick e sua moglie Somiro Sao, con i loro due figli, avevano deciso di doppiare Capo Horn, scelta alquanto azzardata vista l’età dei piccoli, inferiore ai 5 anni. Il loro Open 50 su cui navigavano ha disalberato per una tempesta, la stessa che ha spaccato in due l’albero di un altro navigatore oceanico, Andrew Halcrow, impegnato nel suo secondo tentativo di giro del mondo in solitario.

I Kauffman, invece, hanno lanciato l’SOS quando la figlia di 13 anni si è gravemente ammalata a 900 miglia dal Messico: febbre alta, vomito e perdita dei sensi. Salvata dalla US Coast Guard che ha portato loro medicinali e personale medico.

Andrew Taylor, 46 anni, nel momento in cui cade in acqua durante la Clipper Race
Andrew Taylor, 46 anni, nel momento in cui cade in acqua durante la Clipper Race

Andrew Taylor, 46 anni, era impegnato nella Clipper Race, la regata commerciale intorno al mondo particolarmente apprezzata dagli equipaggi anglosassoni. Insieme al suo equipaggio navigavano lungo la rotta Qingdao-San Francisco quando è caduto in mare. Dopo un’ora e mezza è stato soccorso e tratto in salvo. Secondo quanto raccontato dalle squadre di soccorso, Taylor è sopravvissuto grazie alla cerata oceanica.

Tre uomini sono stati tratti in salvo da una nave cargo, la Amver, mentre il loro yacht Even Star stava affondando a 50 miglia a sud di Balboa, distretto di Panama, per un incendio scoppiato a bordo. Dopo aver lanciato l’SOS via radio, l’equipaggio ha attivato l’EPIRB (Emergency Position-Indicating Radio Beacon) grazia al quale è stato facilmente individuato dalla US Coast Guard che ha coordinato i soccorsi della nave.

La nave cargo Amver ha salvato tre uomini a 50 miglia da Panama
La nave cargo Amver ha salvato tre uomini a 50 miglia da Panama

Un’altra nave mercantile ha salvato la vita a un solitario mentre si trovava a 1.250 miglia a NE di Auckland. Il canadese Art Munneke ha attivato il suo EPIRB dopo che una tempesta ha rovesciato e aperto una via d’acqua alla sua barca, L’Antillaise di 11 metri. Per cinque giorni ha pompato via l’acqua dallo yacht prima di essere salvato dalla Fidelio.

2 COMMENTS

  1. La proverbiale virtù del marinaio è la prudenza, così era fino a pochi decenni fa, quando poteva contare esclusivamente o quasi sulle sue forze. Oggi, con i progressi dell’elettronica che fa partire automaticamente il messaggio di soccorso contenente l’esatta posizione, il marinaio non è più solo, può contare su qualcuno che prima o poi arriva a salvarlo. Così assistiamo a un sovvertimento di un tradizionale principio di marineria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here