SHARE

Riva di Traiano- Si è conclusa in tempi rapidi, grazie a un vento da Maestrale che ha toccato i 30 nodi d’intensità, la V edizione della Lunga Bolina, la regata d’altura, tappa del Campionato Italiano Offshore 2014, organizzata dal Circolo Canottieri Aniene e supportata dagli sponsor Banca Aletti, Unipol Assicurazioni e Intermatica (fornitore del sistema di tracking Geomat). 60 le barche d’altura in gara.

Taccola
Black Bull, foto Taccola

Tanto vento, quindi, e mare formato per gli equipaggi impegnati lungo la rotta di circa 140 miglia, con passaggi alle Formiche di Grosseto, all’isola del Giglio e nuovamente alle Formiche di Grosseto prima del traguardo di Riva di Traiano, condizioni che hanno messo seriamente alla prova gli equipaggi impegnati nella regata di punta del calendario agonistico del Circolo Canottieri Aniene, giunti al traguardo molto stanchi ma ben contenti di aver vissuto in prima persona un’edizione della Lunga Bolina che resterà negli annali, vuoi per le condizioni meteo incontrate e vuoi per l’alto livello degli stessi partecipanti, una flotta che riuniva alcune tra le barche (e relativi equipaggi) più importanti del panorama italiano della vela d’altura.

Barche che hanno iniziato a tagliare il traguardo di Riva di Traiano fin dal tramonto di ieri sera: il primo in reale è stato il Cookson 50 Cippa Lippa di Guido Paolo Gamucci, seguito dal Farr 62 Durlindana III di Giancarlo Gianni e dal Mylius 14e55 Milu di Andrea Pietrolucci.

In compensato grande regata del J-111 Black Bull di Pietro Platone, primo in ORC davanti a Milu di Pietrolucci e al First 40 Rebel di Manuel Costantin. Al Grand Soleil 43 Vanité di Mario Aquila va la vittoria in IRC davanti ai già citati Black Bull e Rebel.

Molto bene anche il Comet 41S Prospettica di Giacomo Gonzi, che in coppia con Iacopo Lacerra si è imposto nella classifica IRCx2 riservata alle barche in equipaggio ridotto, precedendo il First 30 Miles Ahead di Michele Mariotti e il Pogo 40 Patricia II di Francesco Da Rios.

Prospettica. Foto Taccola
Prospettica. Foto Taccola

Per quanto riguarda invece il risultato della Coastal Race, la regata riservata ai monotipi Este 24 e divisa in due tappe (Riva di Traiano-Porto Ercole e ritorno), grande affermazione per La Prima della Classe, l’equipaggio guidato da Cristiana Monina e composto da sei ragazze dell’Aniene, che ha avuto la meglio su RideCosì di Alessandro Maria Rinaldi e Gorditos II di Paolo Brinati.

Tutti i numerosi trofei in palio saranno consegnati nel corso di una premiazione in programma al Circolo Canottieri Aniene nella serata di martedì 29 aprile.

www.lalungabolina.it

3 COMMENTS

  1. Nel titolo si parla di Vanitè che però nel testo non è menzionata. Si tratta del 12 m S.I. d’epoca di base a Riva di Traiano?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here