SHARE

Stretto di Cook, Nuova Zelanda- Una storia che, se vera, ha dell’incredibile. Adam Walker, appassionato di nuoto e partecipante alla campagna di sensibilizzazione Ocean’s Seven dell’organizzazione no profit Whale and Dolphin Conservation, lo scorso 22 aprile stava nuotando nello Stretto di Cook, che separa le due isole maggiori della Nuova Zelanda. Un tratto di mare lungo 16 miglia dove non è inusuale fare brutti incontri, soprattutto con squali.

Adam Walker salvato da alcuni delfini poco prima di essere attaccato da uno squalo
Adam Walker salvato da alcuni delfini poco prima di essere attaccato da uno squalo

Ed è quanto accaduto al nuotatore inglese che, secondo quanto riportato da Yahoo News, nel bel mezzo della sua performance avrebbe avvistato da lontano uno squalo venirgli incontro. Mentre si stava dirigendo verso la barca appoggio, una decina di delfini sono emersi accanto a lui e, come efficienti guardie del corpo, lo hanno scortato per un’oretta fino a quando il predatore non si è persuaso a desistere.

Grazie a questa scorta “particolare“, l’atleta è riuscito ad attraversare le 16 miglia dello stretto in 8 ore e 36 minuti.
Di seguito il video postato su YouTube, anche se, in effetti, è difficile notare la presenza dello squalo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here