SHARE

Porto Liscia- Sole, mare e tanto vento a Coluccia nel week end di Pasqua per Surf Amo, l’evento dedicato a chi ha fatto della tavola la sua passione. Tre giorni di divertimento e adrenalina che hanno avuto come teatro d’occasione l’incantevole baia di Porto Liscia a Coluccia, particolarmente apprezzata dai surfisti.

Sulla sua spiaggia bianca, non troppo distante da Santa Teresa di Gallura, si è radunato un centinaio di atleti provenienti da diverse nazioni per dare vita a uno spettacolo di vele, velocità e acrobazie sull’acqua salata, incorniciando il litorale sull’Arcipelago della Maddalena e le Bocche di Bonifacio.

“È stato un ottimo rodaggio stagionale in attesa del Windsurf Grand Slam che tra un mese e mezzo ospiterà quattro campionati nazionali” ha affermato Giacomo Sanna della Mec3 Sport Pubblicitas che ha poi precisato come “Surf Amo è la prosecuzione delle quattro edizioni ben consolidate dello Stintino Contest, e qui a Coluccia ha superato tutte le aspettative sia per il numero di partecipanti sia per il vento che non ci ha mai abbandonato”.

Fabio Calò in azione a La Caletta
Fabio Calò in azione a La Coluccia

Con vento impegnativo Ponente, sabato mattina le due prove di slalom tra le boe hanno inaugurato il circuito. Domenica di Pasqua si è entrati nel vivo con una doppia gara di SUP. Nella sfida controvento partendo dalla Scuola di Porto Liscia, il primo classificato è stato Carsten Marowski seguito da Maurizio Segarich e Roberto Sanna. Nella seconda prova con vento a favore in partenza da Porto Pollo, è stato Maurizio Segarich ad aggiudicarsi il primo posto, con Marowski secondo e Sanna sempre terzo. Tra le donne, un podio tutto sassarese con Stefania Sanna seguita da Anna Decherchi e Mara Mureddu.

Lunedì di Pasquetta ottanta vele in acqua hanno dato vita a uno spettacolo emozionante. L’esibizione di freestyle se l’è aggiudicata il due volte campione italiano Stefano Lorioli, spuntandola tra pezzi da novanta come l’olandese Dieter ven Der Eyken, top ten in coppa del mondo, Fabio Calò, attuale campione italiano di wave e la giovane promessa Federico Nesi.

Quindi altre tre prove di slalom hanno decretato la classifica definitiva della categoria. Il vincitore assoluto tra gli agonisti Aicw è stato Fabio Cannella, che si è aggiudicato una vela offerta dalla White reef, il secondo Mauro Sbordoni e il terzo Mattia Romano. Tra gli amatori, a conquistare il terzo memorial Cicallero è stato Giuseppe Cassone, seguito da Giuseppe Argiolas e Giuseppe Napoli.

Un gruppo di spettatori e atleti, anche amatoriali, assiste alle prove di slalom e freestyle
Un gruppo di spettatori e atleti, anche amatoriali, assiste alle prove di slalom e freestyle

Più veloce di tutti nella categoria speed è stato Marco Ciotti. Peppe Porru, 65 anni e tanta voglia di cavalcare ancora vento e onde, è stato l’atleta più anziano di tutto il weekend, mentre il più giovane è stato Sergio Begotti di appena 9 anni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here