SHARE

Livorno- E’ Pendragon, racer IRC 70 di Nicola Paoleschi, a doppiare per primo la Giraglia, poco dopo le 23 di venerdì, sette ore dopo la partenza da Livorno e il passaggio suggessivo dalla boa di Marina di Pisa. La regata era partita qualche minuto dopo le ore 16, con un’imponente flotta di 135 barche, suddivise tra IRC e ORCi.Seguono Pendragon il 52′ B2 di Galli e il 50′ Cippa Lippa 8 di Gamucci, che hanno doppiato la Giraglia entro le 00:45 di sabato dopo un bordeggio contro un vento da WSW.

La quinta edizione della regatadei record, capace in soli cinque anni di diventare la regata d’altura più frequentata d’Italia, è organizzata dallo Yacht Club Punta Ala, dallo Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa e dallo Yacht Club Livorno, con la
sponsorizzazione di Celadrin, brand della casa farmaceutica Pharmanutra.

Il passaggio della flotta da Marina di Pisa. Foto Taccola
Il passaggio della flotta da Marina di Pisa. Foto Taccola

Dopo la Giraglia, la flotta lascerà a sinistra l’Elba per passare poi le Formiche di Grosseto. Arrivo a Punta Ala dopo aver lasciato a dritta l’isolotto dello Sparviero.
Una regata, lo ricordiamo, che può essere seguita in diretta sul web attraverso il live tracking della Yellobrick (allʼindirizzo
http://yb.tl/151miglia2014), lʼazienda inglese leader nel settore del tracciamento satellitare on line.

Da segnalare ieri a Livorno la presenza del Dottor Carlo Croce, Presidente della FIV (Federazione Italiana Vela) e dellʼISAF (International Sailing Federation), che ha manifestato il suo entusiasmo per la numerosa partecipazione a questa edizione della 151 Miglia, una delle tappe più importanti del Campionato Italiano Offshore. “Il prossimo passo”, ha dichiarato Croce, “è portare qui anche i velisti stranieri: in proposito, ho parlato con gli organizzatori della 151 Miglia per capire
quali possano essere le strategie per raggiungere lʼobiettivo e il primo passo potrebbe essere una sinergia con una classica dellʼaltura dal respiro internazionale come la Giraglia Rolex Cup”.
www.151miglia.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here