SHARE

Brindisi- In questi ultimi giorni stanno crescendo le iniziative solidali a favore dei fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, imprigionati in un carcere dell’India due anni fa con l’accusa di aver ucciso due pescatori locali. Se in vista dei prossimi mondiali di calcio il Cocer della Marina militare Antonio Colombo ha avanzato la proposta di far indossare un fiocco giallo a tutti i calciatori italiani, anche la vela vuole fare la sua parte.

Il Montefusco Sailing Project Team, in occasione della XXIX Regata Internazionale Brindisi–Corfù, esporrà a bordo dell’imbarcazione Idrusa una bandiera bianca con fascia tricolore recante la scritta “1000 Velisti al fianco dei Marò”. La bandiera sarà ben visibile in tutte le fasi della Brindisi-Corfù.

Bandiera per i Marò

Vuole essere un modo silenzioso ma tangibile di dimostrazione che i cittadini italiani non dimenticano la vicenda dei due fucilieri detenuti in India e far sentire la propria vicinanza ad entrambi e alle rispettive famiglie”, si legge in un succinto comunicato stampa inviato ai giornali. “Siamo altresì certi che altri team esporranno la stessa bandiera sulle proprie imbarcazioni in regata, condividendo con noi lo spirito di forte solidarietà che accompagna questa dolorosa vicenda”.

I fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, iaccusati di aver ucciso due pescatori locali e da due anni detenuti in carcere in India
I fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, iaccusati di aver ucciso due pescatori locali e da due anni detenuti in carcere in India

Anche le mogli di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone presenzieranno il 10 giugno alla cerimonia d’inaugurazione della regata. In quella stessa occasione Vania Ardito e Paola Moschetti consegneranno al team di Idrusa la bandiera del Battaglione San Marco che veleggerà così nel Canale d’Otranto per ricordare i due marò detenuti in India.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here