SHARE

Auckland, Nuova Zelanda- Grant Dalton cambia idea… A corto di fondi e dopo due settimane di polemiche con il defender seguite alla pubblicazione del Proptocollo della 35th America’s Cup, Team New Zealand ha tenuto una conferenza stampa nella sua base ad Auckland e pubblicato oggi sul suo blog una decisa inversione di rotta. “Un esame attento al protocollo e ai primi emendamenti”, scrivono i kiwi, “ci ha portato alla conclusione che Team NZL possa avere una chance realistica di vincere”.

Grant Dalton durante la conferenza stampa di oggi ad Auckland. Foto Team NZL
Grant Dalton durante la conferenza stampa di oggi ad Auckland. Foto Team NZL

Si potrebbe supporre che ETNZL pensi che la polemica non porta denari e che, con una sopravvivenza del team stimata da diversi osservatori in meno di un mese in mancanza di altri sponsor, si sia deciso un cambio d’immagine radicale rispwetto alle prime dichiarazioni al vetriolo, a cui peraltro Oracle Team USA non ha mancato di replicare per voce di Russell Coutts e di Jimmy Spithill.

Nel blog kiwi, vengono elencate tutti i punti chiave, con un’analisi di cosa è cambiato dopo gli emendamenti. Si afferma soprattutto che le limitazioni al “two boat testing” del defender (l’unico che potrà costruire due AC62) e gli emendamenti alla formazione del collegio arbitrale, che sostuisce la Giuria Internazionale ISAF, forniscono delle basi “con cui Team NZL può confrontarsi per avere chance di vittoria”.

Si dichiara anche di approvare la mancata conferma di San Francisco, in cui i costi erano diventati eccessivi, anche se la mancata comunicazione della sede costituisce a oggi un’oggettiva difficoltà nella ricerca di quegli sponsor indispensabili per Team NZL.

Potrebbero aver inbfluito anche i forti annunci di Luna Rossa e Sir Ben Ainslie, con il lancio dei rispettivi team per la 35th America’s Cup. Per i kiwi difficile starne fuori, visto che la ragione di esistenza del team, come più volte dichiarato, “è per cercare di vincere l’America’s Cup”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here