SHARE

Porto Santo Stefano- Mentre l’Argentario ospita da oggi la splendida flotta di cinquanta vele d’epoca per l’Argentario Sailing Week Panerai Yachts Challenge, segnaliamo la regata di trasferimento Portoferraio-Porto Santo Stefano disputata nel weekend. 55 miglia tra bonaccia, vento medio e forte, pioggia e temporali che non hanno certo fermato la flotta di 10 Yacht d’Epoca e Classici partita il 16 giugno da Portoferraio, dopo la partecipazione alla Régate Napoléon, con rotta su Porto Santo Stefano.

Un momento della regata. Foto Taylor
Un momento della regata. Foto Taylor

La regata è stata organizzata dall’Associazione Italiana Vele d’Epoca con la collaborazione tecnica della Lega Navale Italiana – Sezione di Portoferraio e dello Yacht Club S. Stefano.

E’ tutto italiano il podio della categoria Yacht classici, con il primo posto per Voscià (classe 1959) dell’armatore Giancarlo Lodigiani, seguito da Madifra (classe 1965) del presidente dell’AIVE, Matteo Rossi, e da Corsaro II (classe 1961) della Marina Militare con a bordo gli allievi che hanno potuto fare una preziosa esperienza sulle condizioni meteo difficili.

E’ tutto straniero, invece, il podio della categoria Yacht d’Epoca, che vede al primo posto Tomahawk (classe 1939) dell’armatore inglese Jamie Abdy Collins Fiona Shead, seguito da Argyll (classe 1948) dell’armatore inglese Griff Rhys Jones e da Comet (classe 1946) dell’armatore Roderick Galantay.

Tranne Madifra, disegnata da Laurent Giles, tutti gli Yacht vincitori della Portoferraio-Porto Santo Stefano sono progetti realizzati dal leggendario studio di architetti navali Sparkman&Stephens di New York.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here