SHARE

Vibo Marina – Dopo il Campionato del Mediterraneo Orci continua l’attività dell’altura a rating nel sud Italia. Questa volta sarà protagonista la VI Zona per il Campionato Italiano Offshore. Federvela ed Uvai inseriscono una tappa in Calabria affidandola al dinamico Circolo Velico Santa Venere che riesce a catalizzare l’attenzione ed il relativo supporto di ben tre comuni, Vibo, Pizzo Calabro e Tropea, tre perle della costa calabrese.

Il percorso di 120 miglia della Cyclopes Route
Il percorso di 120 miglia della Cyclopes Route

Si parte venerdì 27 da Vibo Marina , si lascerà Stromboli a sinistra, quindi Lipari anch’essa a sinistra, si passerà tra Lipari e Vulcano per arrivare nella splendida Tropea dopo 120 miglia. E’ quasi inutile dire della bellezza mozzafiato di questo percorso. La circumnavigazione serale di Stromboli permetterà di godere delle sciare di fuoco, il passaggio sulle acque blu cobalto tra Lipari e Vulcano sarà indimenticabile, così come l’arrivo a Tropea.

Pistrice, Vismara 40 di  Giuseppe Romano, dopo la bellissima prestazione nella Tre Golfi, va a caccia di punti utili per stabilizzarsi nelle zone alte della classifica di questo sempre più combattuto Campionato Italiano Offshore. Troverà sulla sua strada S.H.A.D.O. di Ninni Adamo, barca che ha conquistato la piazza d’onore nella Onehundredandthirtymiles da Palermo a Salina, seconda prova del campionato. Ma diranno sicuramente la loro Damanhur, Comet 45 di Rosa Ferrone, e BreeRap, Dehler 44 di Salvatore Starita, forti della perfetta conoscenza delle acque di casa. Si dovrà tener conto comunque dei “piccoli”, Julies et Jim, First 34.7 di James Brucato e la messinese Mizar di Antonino Pollicino. Forti del loro favorevole rating e dei loro più che rodati equipaggi faranno di tutto per restare a ridosso delle barche più grandi e giocarsi tutto con i compensi. Occorrerà porre attenzione anche al First 30 Baronesa di Francesco Focarelli. Barca progettata per i lunghi percorsi troverà sicuramente il modo di mettere in difficoltà il resto della flotta.

SGS tracking provvederà al tracciamento delle rotte sul computer. Ciò permetterà a tutti di seguire in diretta le gesta dei propri “eroi”. Sarà inoltre un arma in più da parte dei concorrenti per controllare i propri avversari. Inoltre l’integrazione in tempo reale con le previsioni fornite dal Consorzio Lamma permetterà di ottimizzare le rotte in base alle condizioni di vento e di onda.

La Calabria si riaffaccia alla ribalta nazionale anche nell’Altura. La Cyclopes Route è solo il primo di una serie di eventi nazionali che vedranno la VI zona già protagonista nel 2015. Il Circolo Velico Santa Venere, sempre supportato dal Comitato della Federvela condotto con attenzione da Fabio Colella, in accordo con UVAI e FIV sta già definendo una serie di eventi dedicati all’Altura che sposandosi con le emozionanti bellezze naturali del luogo, spingeranno sempre più a sud il baricentro della vela nazionale.

http://eoliansailingweek.it/indexcalos.html

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here