SHARE

Carlotta Domenici De Luca e Riccardo Gastaldi sono una coppia che più di tutto ama il mare. Lui skipper professionista, lei fotoreporter, navigheranno nell’estate 2014 lungo le coste della Sardegna con il loro Baltic 42 Bonheur per un viaggio turistico culturale, che seguiremo miglio per miglio. La loro idea, 2 e il mare…, li porterà a contatto con le popolazioni, le località, le tradizioni e le meraviglie dell’isola-Continente. Seguiteli insieme a noi. Prima tappa a La Caletta (Siniscola, Nuoro).

_LSD6427

La Caletta- (Carlotta Domenici De Luca) Con le giornate sempre più lunghe ed il sole sempre più alto non potevamo aspettare di avere la barca perfettamente pronta per andare in Sardegna  ed allora siamo ripartiti da Fiumicino ripromettendoci di finire i lavori alla Caletta.
Un’acqua trasparente e turchese fino all’entrata del porto, rocce carsiche,  verdi colline sullo sfondo e qualche scafo color pastello dei pescherecci, questa è La Caletta vista dal porto.

La rotta seguita da Bonheur lungo le coste sarde
La rotta seguita (in rosso) da Bonheur lungo le coste sarde

Nel paese subito abbiamo la sensazione di essere in Sardegna, quella vera però, provincia di Nuoro e comune di Siniscola, qui non è arrivato il turismo di massa né il brand costasmeraldino, qui l’unico brand è la firma della natura, dei pescatori, degli agricoltori, degli allevatori e di quei turisti ( principalmente tedeschi e francesi ) che amano l’ambiente e le escursioni.

La Cantina di Bacco gestita da Cesare, la macelleria Da Antonello, gli agricoltori che vendono i loro prodotti sui bordi delle strade, l’amico Jean Albert  navigatore e divenuto coltivatore del suo frutteto a Siniscola ci hanno fatto veramente conoscere il significato dell’alimentazione a kilometri zero: fresca, sana ed economica perché non ha bisogno di essere trasportata per migliaia di kilometri prima di essere venduta.

Il porto di La Caletta (Siniscola), molto comodo per spezzare la tratta della Sardegna orientale. Foto Domenici De Luca
Il porto di La Caletta (Siniscola), molto comodo per spezzare la tratta della Sardegna orientale. Foto Domenici De Luca

La terra ed il mare riflettono i colori del cielo e i colori del cielo hanno il potere di influenzare l’umore degli uomini: cielo turchese, verde brillante della macchia mediterranea, il bianco ( ancora per poco ) delle pecore appena toste, il grigio degli asinelli,  sono questi i colori che accompagnano i nostri occhi da dieci giorni.

E la bellezza delle sue feste tipiche, le sue torri fiere, Il Monte Albo che si staglia all’orizzonte, i profumi della Pompia, frutto tipico con il suo sapore unico perché  fusione di diversi agrumi, dolce ma con la possibilità di essere gustato anche salato, la zuppa Siniscolese… e tanto altro.

La torre costiera di La Caletta, una delle molte delle coste sarde. Foto Domenici De Luca
La torre costiera di La Caletta, una delle molte delle coste sarde. Foto Domenici De Luca

L’umore è alto e ci rendiamo conto di cosa effettivamente basti  per pensare positivo, per essere sereni e per avere quella tranquillità che serve a sviluppare nuove idee; oggi piove, i colori non sono più come prima, ma la natura si sta dissetando e si sta riposando prima dell’estate e noi qui, a scrivere e a consultare le carte nautiche ascoltando il rumore delle gocce di pioggia sul ponte di Bonheur.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here