SHARE

Brunnen, Svizzera- Diego Negri e Sergio Lambertenghi hanno vinto l’International Star Class Eastern Hemisphere Championship 2014 conclusosi oggi a Brunnen, in Svizzera, un evento valido per la Star Sailors League. Niente regate oggi causa bonaccia e quindi la classifica definitiva al termine del quarto giorno ha confermato la leadership indiscussa dell’equipaggio di ITA 8491 (6-1-1-1). Grazie al completamento di quattro prove valide, è stata assegnata a Negri la quarta stella d’argento in carriera, la seconda per Lambertenghi.

Al secondo posto i greci Papathanasiou-Tsotras e al terzo gli americani Szabo-Serge. Gli italiani: 18.Danelon-Gazzetta; 24.Masserdotti-Mugnaini; 28.Nazzaro-Rocca

Negri-Lambertenghi
Negri-Lambertenghi

Dopo un sesto posto nella prima prova, per Negri e Lambertenghi sono seguite tre vittorie di fila. La serie è iniziata con una regata caratterizzata da un vento molto instabile sul campo di regata a ovest rispetto a Brunnen, conclusa con una vittoria di un equipaggio elvetico di Christoph Burger e Renato Marazzi (SUI 8274), un secondo posto americano di George Szabo e Serge Pulfer (USA 8320) e un terzo greco di Emilios Papathanasiou e Antonis Tsotras (GRE 8434). Le due regate successive, nel campo più a Sud, che guarda verso le Alpi Svizzere, hanno registrato condizioni di vento più stabili anche se sotto una pioggia battente. Dietro Negri/Lambertenghi: nella seconda, Szabo/Pulfer e Burger/Marazzi. Nella terza: Boris Kulpe con Ronald Roeseler e Papathanasiou con Tsotras. La quarta, senza pioggia e con un vento ben disteso, è stata la più combattuta, con diversi cambi di leadership e battaglie ravvicinate fino agli ultimi metri dell’ultimo lato. Nella prova più sudata, ancora secondi Papathanasiou/Tsotras (l’equipaggio con il maggior numero di podi dopo gli italiani) e terzi gli svizzeri Christoph Gautschi con Dominik Schenck (SUI 8409).

Diego Negri: “L’Eastern Hemisphere è un Silver Event, molto importante per la Classe. Sono molto contento di averlo conquistato per il secondo anno consecutivo. Dopo aver concluso il mondiale a così pochi punti dal vincitore, avendo lottato fino all’ultimo per la medaglia d’oro, eravamo certamente consapevoli del nostro potenziale. È comunque stata una settimana difficile perché non ho molto familiarità con i laghi alpini, specie nelle condizioni meteo eccezionali che abbiamo dovuto affrontare. I tre primi posti consecutivi sono frutto di un’ottima velocità e ancora di più della capacità di leggere i repentini salti di vento che hanno reso la serie molto interessante.

Il meteo, come tutti i marinai ben sanno, non si può certo comandare: ma il comitato di regata ha saputo trovare il momento giusto per disputare le prove in due giorni comunque problematici. Ringraziamo per l’ottima ospitalità e organizzazione, il cui sforzo è stato decisamente evidente, fosse solo per aver ricavato una darsena dedicata solo alle Star nella magnifica cornice di Brunnen. Sono molto contento anche di aver conquistato anche 750 punti validi per la ranking list Star Sailors League, che rafforzano ancora di più la mia leadership, conquistata solo poche settimane fa.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here