SHARE

Palermo – Black Bull contro Blue One, Wb Five contro Extra 1, Mowgli contro Extreme Sail Accademy, QQ7 contro B2: sono soltanto alcuni dei duelli più interessanti della Palermo – Montecarlo 2014, organizzata dal Circolo della Vela Sicilia in collaborazione con Yacht Club de Monaco e Yacht Club Costa Smeralda, che per quest’edizione ha fatto segnare il record di 40 iscritti, una regata che nel suo decennale si annuncia ricca di spunti interessanti e tutta da seguire.

Una fase della partenza dell'edizione 2013. Foto Carloni
Una fase della partenza dell’edizione 2013. Foto Carloni

Sarà decisiva per l’assegnazione del Campionato Italiano Offshore e c’è da scommettere che tra il J111 Black Bull del Dorian Sailing Managment e il First 36.7 BlueOne di Leonardo Servi, dominatori assoluti della stagione d’altura, sarà un match race lungo 500 miglia senza esclusione di colpi. La classifica offshore è guidata da BlueOne con 148,61, seguiTa da Black Bull con 143,90 punti.

Si daranno battaglia anche i due Class 40, Mowgli di Marco Nannini e Extreme Sail Accademy di Sergio Frattaruolo, con la new entry Mario Girelli con Patricia II che proverà a inserirsi nella contesa navigando in solitario.

Nella classifica X2 tutti a caccia del Comet 41s Prospettica, leader nella classifica Offshore in doppio: i segugi per l’occasione si chiamano Lunatika, Sun Fast 3600 di Stefano Chiarotti, Blue Colombre, First 40.7 di Massimo Iuris e Lung’Ta, Sun Fast 3200 di Jean Philippe Bismuth.

Tutta da seguire sarà poi la contesa tra i club palermitani, che storicamente hanno avuto partecipazioni sempre molto competitive da un punto di vista tecnico: il Vela Club Palermo si presenta con il Farr 53 QQ7 degli skipper D’Amico-Candela, il Circolo della Vela Sicilia scommette ancora sull’X41 WbFive con skipper Piero Maiolino, mentre il Circolo Canottieri risponde con il Comet 45 Wireless di Ugo Salmeri e l’Oceanis 53 SHADO di Ninni Adamo e la Lega Navale Italiana Palermo Centro si affida al più che rodato Elan 333 Mago Blu di Fulvio Palumbo Cardella, barca che ha vinto tantissimo in Sicilia ma si trova al suo esordio in una prova d’altura di questa lunghezza. Per l’X41 WbFive la sfida sarà doppia dato che dovrà guardarsi anche dalla barca gemella Extra 1 e dal fortissimo equipaggio di Massimo Barranco. QQ7 proverà invece a insidiare il Tp52 B2, armato per l’occasione da Pierre Casiraghi, per la vittoria in tempo reale.

Non dimentichiamo poi tra le barche che puntano alla vittoria finale l’Arya 415 Duvetica di Sergio Quirino Valente, laureatosi da poco campione italiano ORC, che non arriva certo a Palermo per stare a guardare ma per fare valere le sue grandi performance da barca vincente.

Non mancano le sorprese dell’ultima ora: sono in arrivo due Swan 60, entrambi appartenenti alla nutrita Gazprom Swan 60 Class Association, e uno reduce dal mondiale appena disputato a Palma di Maiorca. Si tratta di Spirit of Europe, barca delle Isole Vergini Britanniche, che correrà la Palermo-Montecarlo con i colori dello Yacht Club de Monaco e skipper Thierry Loret. E la seconda barca Tsaar Peter, dello Yacht Club di San Pietroburgo, skipper Sergey Borodinov. Aggiungendosi al già iscritto Wahpe di Roberto Lauro, portano la flotta degli Swan 60 a tre barche, una regata nella regata.

Per il resto della flotta la possibilità di inserirsi da outsider in una regata che resta sempre molto aperta fino alla fine e con il gate a Porto Cervo consente anche alle barche meno performanti di entrare in classifica.

http://www.palermo-montecarlo.it

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here