SHARE

Civitavecchia- procedure operative comuni, promuovere lo scambio di informazioni e rafforzare la cooperazione nell’ambito delle attività e dei servizi della Guardia Costiera. Sono questi gli obiettivi che saranno presentati nel corso della VI conferenza plenaria dell’European Coast Guard Functions Forum (ECGFF) che si terrà in Italia dal 22 al 23 settembre.

Composto da una Presidenza, con mandato annuale e un Segretariato, formato da un ristretto numero di Paesi Membri, tra cui l’Italia, l’ECGFF è un Forum volontario, indipendente e non politico, nato in prospettiva come strumento di ausilio all’attività normativa e regolamentare delle Istituzioni Comunitarie, i cui membri sono i Capi dei Servizi di Guardia Costiera, o equivalenti, di ciascun Paese marittimo dell’Unione Europea e del Trattato di Schengen. Nell’ambito del semestre italiano di presidenza del Consiglio europeo, dal 12 settembre 2013, la Presidenza del Forum è stata assegnata all’Italia attraverso il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, l’Ammiraglio Ispettore Capo Felicio Angrisano.

In quest’anno di attività la Presidenza italiana, condivisa con la Guardia di Finanza, ha approfondito sia il progetto di sviluppo di una rete degli Istituti di formazione nelle materie rientranti nelle competenze dei servizi di Guardia Costiera, che il memorandum d’intesa per regolare i compiti del Segretariato stabilito a Bruxelles. Ad aprire ufficialmente i lavori del Forum, il 22 settembre, saranno l’Ammiraglio Angrisano e l’Ammiraglio Nicola Carlone, Capo Reparto Sicurezza della Navigazione del Comando Generale che illustrerà l’attività del Segretariato e i principali risultati della Presidenza italiana, cui seguirà tra gli altri l’intervento del Direttore della Divisione Operazioni di FRONTEX (l’Agenzia europea per il controllo delle frontiere), Mr.Klaus Rösler.

La motovedetta CP 870 in servizio alla Guardia Costiera di La Maddalena
La motovedetta CP 870 in servizio alla Guardia Costiera di La Maddalena

Confermata per il giorno 23, a bordo della nave Costa Serena, nel porto di Civitavecchia, la presenza del Sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti Umberto Del Basso De Caro, del Segretario Generale dell’IMO, l’organizzazione internazionale marittima delle Nazioni Unite, Koji Sekimizu e di Cleopatra Doumbia Henry, Direttore del Dipartimento “Labour Standards” dell’ILO (Organizzazione internazionale del lavoro). Nella stessa giornata sono previsti, nell’ordine, l’intervento dell’Ammiraglio Angrisano, Comandante Generale del Corpo con un discorso dal titolo “Flussi migratori via mare: la protezione della dignità umana”, quello del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale Saverio Capolupo sul tema del contrasto ai traffici illeciti via mare e quello dell’Ammiraglio De Giorgi – Capo di Stato Maggiore della Marina Militare italiana sull’operazione Mare Nostrum.

La conferenza plenaria rappresenta un momento importante di dialogo che permetterà di portare all’attenzione dell’Europa le grandi questioni che riguardano il futuro dei nostri mari: l’attività di soccorso in mare (SAR), l’immigrazione, la pesca marittima e la sicurezza della navigazione, la vigilanza delle frontiere marittime e la protezione dell’ambiente marino dagli inquinamenti. Scelte razionali ed efficaci per il bene dell’Europa e dei cittadini al cui servizio le guardie costiere quotidianamente offrono le loro professionalità e il loro impegno.

L’Ammiraglio Angrisano aprirà ufficialmente i lavori della conferenza plenaria
L’Ammiraglio Angrisano aprirà ufficialmente i lavori della conferenza plenaria

A chiusura dei lavori, la cerimonia del passaggio di consegne della Presidenza del Forum alla Finlandia, rappresentata dal Comandante Generale della Polizia di Frontiera, Generale Kaukanen che riceverà dalle autorità italiane la bandiera del Forum: una banda trasversale blu che richiama il colore del mare e sotto la quale vengono rappresentati tutti i Paesi membri e, in particolar modo, le rispettive organizzazioni di Guardia Costiera con i loro diversi ordinamenti, le quali contribuiscono, per gli aspetti di competenza, alla valorizzazione delle strategie europee funzionali alla crescita ed allo sviluppo dell’economia del mare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here