SHARE

Alicante- Alberto Bolzan è pronto e anche molto emozionato. “Non sono mai uscito da Gibilterra su una barca da regata”, e quando pronuncia queste parole, beh… voce calda e occhi che tradiscono. L’emozione, condivisa la sua fidanzata Nicole che è lì vicino per salutarlo, c’è davvero. E, d’altra parte, non potrebbe essere altrimenti visto che oggi Alberto Bolzan, 32 anni, friulano di dna velico triestino, ha iniziato il suo primo giro del mondo come velista nella Volvo Ocean Race, che era il suo sogno di bambino.

Alberto Bolzan... qui con la fidanzata Nicole a due ore dalla partenza. E' lui l'unico italiano alla Volvo Ocean Race, su Team Alvimedica.
Alberto Bolzan… qui con la fidanzata Nicole a due ore dalla partenza. E’ lui l’unico italiano alla Volvo Ocean Race, su Team Alvimedica. Foto Tognozzi

Team Alvimedica, su cui è soprannominato “Ferrari” per la sua velocità al timone, ha lasciato Alicante in quarta posizione con Bolzan tattico in attesa di iniziare il ritmo nei turni.”Non mi aspettavao così tanta gente e che così tante persone venissero dall’Italia per salutarmi, è davvero tutto molto emozionante”.

Queste le sue dichiarazioni a due ore dalla partenza, questa mattina, seguite da alcune immagini dello start:

“A bordo occorre saper fare di tutto, visto che siamo solo in otto. Certo, nella configurazione ideale quando ci saranno momenti iun cui avremo bisogno della massima velocità, dovrei passare diverso tempo al timone”, ci ha detto ieri durante l’incontro media con la stampa italiana.

“Penso che imparerò più in questi mesi che in anni ed anni di vela normale”, ha proseguito Bolzan, “nel senso che si passa un sacco di tempo in mare e ovviamente più si naviga e pià si impara. Ma la cosa che mi cambierà di più é senza dubbio l’aspetto umano, tanto é vero che le persone che conosco bene che hanno già preso parte a scorse edizioni della VOR sono poi le più disponibili ad accettare compromessi con gli altri: passando nove mesi su una barca bisogna per forza cercare di trovare un punto in comune nelle decisioni”.

Alberto Bolzan con i media italiani ieri ad Alicante. Foto Di Fazio
Alberto Bolzan con i media italiani ieri ad Alicante con il CEO di Alvimedica Cem Bozkurt. Foto Di Fazio

La professionalità del regatante, assai apprezzato nel giovane team turco-americano che Alvimedica ha messo insieme in meno di un anno, lotta con l’emozione dell’uomo. “La Volvo certo è anche avventura e i prossimi nove mesi mi cambieranno certamente, ancora non so come ma lo faranno, come dicono tutti. Vi sono luoghi che non ho mai visto, così come non ho mai attraversato l’Equatore nè visto Capo Horn. Non so cosa ci hanno preparato i veteranio per il passaggio dell’Equatore e il Southern Ocean, beh… non vedo l’ora di vederlo”.

Complimenti Alberto, sin d’ora. Lo seguiremo per tutti nove mesi della Volvo Ocean Race.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here