SHARE

La Maddalena- Si è conclusa ieri nel migliore dei modi la disavventura capitata a un giovane di 17 anni che, dopo essersi allontanato con il suo windsurf nel primo pomeriggio dalla località balneare di Nido d’Aquila, a sera inoltrata non era ancora tornato a riva. Allertata la Capitaneria di Porto di La Maddalena, sono state inviate tre motovedette della Guardia Costiera di La Maddalena e di Olbia.

Ore di ricerca che, purtroppo, non avevano dato i loro frutti. Così il comando si è visto costretto a coinvolgere una motovedetta dei Carabinieri, una della Guardia di Finanza e un’unità del nucleo SDAI della Marina Militare. Un elicottero dell’Aeronautica Militare proveniente da Decimomannu si aggiunto alle ricerche a partire da mezzanotte, sostituito poi da un altro elicottero alle quattro di mattina.

Motovedette della Guardia Costiera impegnate nelle operazioni "Mare Sicuro"
Motovedette della Guardia Costiera impegnate nelle operazioni “Mare Sicuro”Guardia

Contemporaneamente i militari della Guardia Costiera setacciavano il litorale nord di Palau nonché le parti di costa raggiungibili dalla Maddalena e da Caprera dove si ipotizzava avesse potuto trovare riparo il giovane. Alcuni testimoni avevano dichiarato di aver visto il giovane navigare intorno alle cinque di pomeriggio nei pressi di punta Tegge.

Solamente questa mattina alle otto sono state interrotte le ricerche, quando il ragazzo ha bussato alla porta di un’abitazione di Cala Inferno chiedendo aiuto. I proprietari hanno avvisato la Guardia Costiera e sul posto sono accorse le pattuglie di terra: il giovane era sano e salvo e in buone condizioni di salute.

Come ha raccontato poi ai militari, il windsurfer, stremato dalla fatica, aveva trovato rifugio presso gli scogli inaccessibili di Cala Inferno e lì aveva trascorso la notte protetto dalla muta integrale. Con le luci dell’alba aveva poi risalito l’irta scogliera sino a trovare aiuto in un’abitazione privata. Il giovane è stato quindi accompagnato dal padre al pronto soccorso per un controllo medico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here