SHARE

Roma- La Federazione Italiana Vela ha comunicato i criteri di formazione e selezione delle squadre olimpiche in vista dei Giochi di Rio 2016. La selezione sarà sostanzialmenmte solo su osservazione e conteranno i risultati, chi li ha già, come Vittorio Bissaro nei Nacra, Giulia Conti negli FX e Flavia Tartaglini negli RS:X donne, o chi li deve ancora ottenere. I tre equipaggi potenzialmente da podio (al momento) potranno essere scalzati solo da chi nel 2015 otterrà risultati di pari o superiore valore.

Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri in Nacra 17. Foto Taccola/FIV
Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri in Nacra 17. Foto Taccola/FIV

Come già anticipato alla fine dei Mondiali di Santander dal DT Michele Marchesini, a Rio andrà solo chi ha chance di medaglia o almeno di buon piazzamento. Le tre classi ancora non qualificate (Finn, 470 uomini e 470 donne) dovranno dimostrare di valere il top mondiale e necessariamente qualificare la Nazione ai Mondiali 2015.

Tale programma di preparazione Olimpica per i Giochi di Rio de Janeiro 2016 è stato approvato In occasione del recente Consiglio Federale del 17 ottobre scorso. La stessa (PDF qui Impostazione Tecnica per i Giochi 2016) parte dalla già affermata divisione del quadriennio olimpico in due macro periodi, di cui i Campionati Mondiali Classi Olimpiche ISAF di Santander sono stati lo spartiacque.

Conti-Clapcich in FX. Foto Taccola/FIV
Conti-Clapcich in FX. Foto Taccola/FIV

Il documento identifica con molta chiarezza anche la nuova suddivisione in fasce delle discipline. Le fasce sono tre e discendono da due macro parametri: le qualifiche olimpiche per nazioni ottenute ai Mondiali di Santander e il potenziale da medaglia espresso dai nostri equipaggi, con particolare riguardo ai timonieri. Attenzione viene riservata anche alle discipline nelle quali ancora non si è raggiunta la qualifica olimpica nel corso del 2014, prevedendo per esse adeguate opportunità nel biennio 2015-2016.

In fase preliminare, la nuova impostazione dei criteri di avvicinamento ai Giochi di Rio della FIV è stata condivisa con il Comitato Olimpico, quindi, nel corso dell’incontro programmatico con la Direzione della Preparazione Olimpica CONI tenutosi il 28 ottobre a Roma – presenti il Presidente della FIV Croce, il Segretario Generale Storti, il Direttore Tecnico Marchesini, il Direttore Tecnico dell’attività Giovanile Sensini e il medico federale Ferrari – il Comitato Olimpico ha preso atto di questa progettazione, approvandone in toto i contenuti.

Tutti gli atleti componenti la Squadra Azzurra sono stati informati direttamente dal DT Marchesini di questo iter programmatico in una riunione plenaria tenutasi nel corso del raduno annuale presso l’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI, a Roma: una cinque giorni di test fisici ed esami condotti da una equipe di medici e tecnici specializzati che il CONI mette a disposizione delle federazioni sportive. E’ il secondo anno consecutivo che gli azzurri della vela vengono sottoposti a questa serie di test ed esami: uno screening completo individuale che rappresenta una delle novità della nuova Direzione Tecnica, al fine di ottimizzare al meglio la preparazione fisica dei componenti della squadra monitorandone i progressi di anno in anno.

Flavia Tartaglini in RS:X. Foto Taccola/FIV
Flavia Tartaglini in RS:X. Foto Taccola/FIV

È stata inoltre anche definita la partecipazione del team italiano che parteciperà all’ISAF Sailing Final World Cup 2014, in programma ad Abu Dhabi dal 26 al 30 novembre. L’evento voluto dall’ISAF rappresenta una delle principali novità della stagione internazionale di regate e sarà riservato ai migliori velisti delle classi olimpiche che hanno superato le qualificazioni imposte dall’ISAF stessa secondo un criterio misto (risultati dei Mondiali di Santander e dell’ISAF World Cup di Qingdao, posizioni nelle Ranking List ISAF e wild card). L’Italia parteciperà con un totale di 25 equipaggi (35 atleti) che hanno ricevuto l’invito dall’ISAF e con l’inserimento di Giovanni Coccoluto, ultimo in ordine cronologico ad aver acquisito il diritto partecipativo, la Federazione Italiana Vela ritiene completata la propria rappresentanza senza possibilità di alcun ulteriore inserimento.

Questo l’elenco degli azzurri in acqua ad Abu Dhabi per la finale dell’ISAF Sailing World Cup: Filippo Baldassari, Giorgio Poggi, Michele Paoletti, Enrico Voltolini (Finn), Luca e Roberto Dubbini (49er), Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri, Lorenzo Bressani-Giovanna Micol, Federica Salvà-Francesco Bianchi, Francesco Porro-Caterina Marianna Banti (Nacra 17), Simon Sivitz Kosuta-Jas Farneti (470 M), Roberta Caputo-Alice Sinno, Elena Berta-Giulia Paolillo, Francesca Komatar-Sveva Carraro (470 F), Giulia Conti-Francesca Clapcich (49er FX), Flavia Tartaglini, Laura Linares (RS:X F), Mattia Camboni, Marco Baglione (RS:X M), Francesco Marrai, Giovanni Coccoluto, Alessio Spadoni (Laser Standard), Silvia Zennaro (Laser Radial), Andrea Beverino, Mario Calbucci, Riccardo Leccese (Kite).

www.federvela.it

1 COMMENT

  1. Ma perchè, screditare così i prodieri?
    Mai come per il 17 e il 49 i prodieri e l’affiatamento con questi sono così importanti, avendo loro il motore in mano.
    Che gioco giocano? Si tengono aperta la porta per defenestrare qualcuno ? Perché?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here