SHARE

Las Palmas de Gran Canaria, Spagna- Ancora pochi giorni e il 9 novembre la flotta di 52 barche iscritta alla nuova edizione dell’ARC+ Capo Verde prenderà il largo dalle coste di Gran Canaria per raggiungere prima Capo Verde e poi l’isola caraibica di Saint Lucia. Sarà il primo atto del raid più amato e popolare, l’Atlantic Rally for Cruisers che quest’anno spegne 29 candeline e che vede ben 240 barche iscritte in totale. Già dalla passata edizione, infatti, per il numero crescente di richieste pervenute sulla scrivania del World Cruising Club, gli organizzatori hanno deciso di coinvolgere altre località così da poter soddisfare e ospitare tutti gli armatori interessati. Tra queste, appunto, Mindelo, città settentrionale dell’isola di Sao Vicente, Capo Verde.

Dunque si ripropone il format della doppia partenza: una parte della flotta salperà dal Muelle Deportivo di Las Palmas, situata sulla maggiore delle Canarie, il 9 novembre per far rotta prima verso Capo Verde e poi verso Saint Lucia. Il 23 novembre toccherà al grosso della flotta, 190 imbarcazioni, mollare gli ormeggi e dirigersi verso i Caraibi. Una galoppata di 2.800 miglia, sfruttando l’Aliseo, che li porterà dritti nella baia caraibica di Rodney Bay, dove, una volta tagliata la linea d’arrivo, si incontreranno con tutti gli altri equipaggi.

La partenza dell'edizione 2009 dell'Atlantic Rally for Cruisers, il rally più amato e popolare al mondo
La partenza dell’edizione 2009 dell’Atlantic Rally for Cruisers, il rally più amato e popolare al mondo

Anche nell’edizione 2014 sono confermati gli importanti numeri del passato: 240 barche iscritte, 1.200 velisti coinvolti di cui 34 bambini sotto i 16 anni. La voglia di attraversare l’Atlantico, anche per la prima volta, porterà sulla linea di partenza alle Canarie barche e persone provenienti da ogni angolo del pianeta: Australia, Austria, Belgio, canada, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Inghilterra, Germania, Giappone, Islanda, Italia, Malta, Olanda, Norvegia, Nuova Zelanda, Polonia, portogallo, Spagna, Svizzera, Svezia e Stati Uniti, solamente per citare alcune delle bandiere rappresentate. In totale i Paesi saranno 36.

Come di consueto la flotta è molto eterogenea, spaziando dal piccolo svedese Marieholm 32E Thalassa fino al maxi inglese Farr 100 Leopard By Finland che tenterà quest’anno di battere il record di percorrenza sulla rotta Las Palmas-Saint Lucia, attualmente detenuto dal tedesco Max Klink che, a bordo del suo Knierim 65 Caro, nel 2013 ha attraversato l’Atlantico in 10 giorni, 21 ore, 25 minuti e 10 secondi. Ma la vera notizia è il ritorno, quest’anno, di una nutrita flotta di catamarani, costruiti principalmente dal cantiere francese: 25 iscritti alla classica, 12 all’ARC+.

All'edizione 2014 dell'ARC torna numerosa la flotta dei catamarani: 37 in tutto. Nella foto Free to Be (Lagoon 500, Joe Heunes, South Africa) Credit: Tim Wright - photoaction.com © World Cruising Club 2008
All’edizione 2014 dell’ARC torna numerosa la flotta dei catamarani: 37 in tutto. Nella foto Free to Be (Lagoon 500, Joe Heunes, South Africa) Credit: Tim Wright – photoaction.com © World Cruising Club 2008

In questi giorni i team stanno ultimando, sulle banchine di Muelle Deportivo a Las Palmas, la preparazione delle barche in vista della partenza fissata per il 9 novembre: controllo dell’attrezzatura, cambusa, check a vele e motore (a eccezione dei partecipanti alla Racing Division, dove si corre in IRC, tutti gli altri possono ricorrere al motore se necessario), superamento delle ispezioni alle dotazioni di sicurezza da parte degli organizzatori. È infatti questo il punto di forza dell’ARC: attraversare in sicurezza e divertendosi l’Atlantico. Perciò il World Cruising Club dedica molto tempo ai corsi di sopravvivenza in mare, alla gestione delle emergenze e alla preparazione dell’equipaggio, senza contare i controlli metodici volti ad accertare che ogni armatore abbia soddisfatto tutti i requisiti richiesti dal bando prima di prender parte alla manifestazione velica.

Una volta salpati, i team dell’ARC+ percorreranno le 850 miglia da Gran Canaria fino a Mindalo, sull’Isola di Sao Vicente, dove sosteranno tra i 3 e i 5 giorni. A Capo Verde i partecipanti potranno approfittare dei giorni a loro disposizione per esplorare l’arcipelago, conoscere tradizioni e usanze del luogo, immergersi completamente nella natura e nella cultura dei nativi. Poi, il 19 novembre, la flotta salperà verso Saint Lucia coprendo le 2.150 miglia della rotta. Qui ad attenderli feste e cocktail party che culmineranno nella serata del 10 dicembre, quando inizieranno i festeggiamenti in vista del periodo natalizio.

ARCMap_2010_NoARCErgb

Il 23 novembre toccherà alle 190 barche iscritte alla classica Atlantic Rally for Cruisers. Percorreranno 2.700 miglia in circa 12 giorni (le più veloci) e tra i 18 e i 21 giorni i family cruiser. Una volta tagliata la linea di arrivo a Rodney Bay gli equipaggi saranno accolti da ceste di frutta, birre ghiacciate e bicchieri di rum. Poi prenderanno il via i festeggiamenti e le danze, escursioni e giochi divertenti sulla spiaggia, in attesa che arrivi il 20 dicembre quando si celebrerà la chiusura della 29esima edizione.

Ma per molti team questo giorno non rappresenterà la fine della loro avventura. Infatti dieci di loro prenderanno parte al World ARC, la circumnavigazione del mondo sempre secondo gli standard e lo stile suggeriti dal Cruising Club, mentre 19 navigheranno intorno al globo passando per il Canale di Panama e toccando alcuni dei luoghi più suggestivi come Polinesia, Mauritius, Sud Africa e Brasile.

Infine non è da sottovalutare l’impatto economico che una simile evento ha sulle località coinvolte. Infatti, come tengono a sottolineare gli organizzatori, nel 2013 equipaggi e famiglie hanno speso più di un milione di euro a Las Palmas tra ormeggi, servizi offerti dal marina, ristoranti e hotel. Oltre 900 notti in albergo sono state prenotate sempre nella città canarina e sono stati comprati oltre 1.400 biglietti aerei per e da Gran Canaria.

Di seguito la lista delle barche battenti bandiera italiana:

Nome Barca – Modello – Lungh.scafo – Armatore – Iscrizione – Divisione
Arietta 4.2, XP-44, 13.29, Joe Borghetti , ARC 2014, I Cruising
Bionic Elk- Baltic 56- 17.10- Matteo Uliassi- ARC 2014 -I Cruising
Bluetaste- XC-45 -13.86 -Roberto Tassinari -ARC 2014 -I Cruising
Frascesca- Beneteau Oceanis 473 -Clipper 14.15- Giovanni Innocenti- ARC 2014- I Cruising
Hiera- Jeanneau Sun Odyssey 49 -14.75- Mario Cudia – ARC 2014- I Cruising
Lande Catty Sark- Azurre 40- 11.99- Francesco Buonfantino- ARC 2014 -II Racing
Monomotapa- Swan 46- 14.05- Alberto Querci- ARC 2014- I Cruising
Neveralone- SLY Marine 47- 14.25- Paolo Orlandi- ARC 2014- II Racing
Ocean Bird- Amel Super Maramu 2000- 15.97- Pietro Frisani- ARC+ Cape Verde- I Cruising
Perola- Do Mar Dix- 17.07- Vittorio Aliprandi- ARC 2014- I Cruising
Roxana- Malo 47- 14.65- Luigi Carrodano- ARC+ Cape Verde- I Cruising
Tyke- FY 61- 18.82- Marco Serafini- ARC 2014- Invitation Racing

https://www.worldcruising.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here