SHARE

Cape Town- L’equipaggio di Team Alvimedica è al centro di un’innovativa ricerca medico/scientifica per verificare che impatto abbia la partecipazione alla Volvo Ocean Race sul cuore, il metabolismo, la forza e la forma fisica dei velisti durante i nove mesi di navigazione oceanica.

Grazie all’utilizzo di tecnologie dell’agenzia spaziale americana NASA e a medici di istituzioni accademiche di primo piano negli Stati Uniti, in Svezia e nel Regno Unito è stato lanciato un progetto per capire meglio come le condizioni stressanti a lungo termine a cui sono sottoposti i velisti possano influenzare le funzioni vitali e incrementare il rischio di malattie vascolari e di altro tipo.

Mark Towill di Team Alvimedica si sottopone agli esami cardiovascolari. Foto Infante
Mark Towill di Team Alvimedica si sottopone agli esami cardiovascolari. Foto Infante

Il progetto è guidato dal ricercatore cardiologo Martin Ugander, del Karolinska Institute di Stoccolma in Svezia, che ha dichiarato che la regata fornisce un terreno di ricerca medica unico. “Non conosco nessun altro modello di stress al mondo in cui l’uomo è sottoposto a una combinazione di stress intenso e di lunga durata che l’essere a bordo di una barca, lavorando su turni di quattro ore su periodi prolungati e su un arco di nove mesi. Si tratta di un ambiente che ci fornisce un’opportunità unica di esaminare gli effetti dello stress sul sistema cardiaco.”

Gli atleti della Volvo Ocean Race vivono in uno spazio ristretto, e combattono contro la privazione di sonno, un’attività fisica molto intensa, lo stress mentale della competizione e la mancanza di cibo fresco per periodi che possono arrivare a quattro settimane durante la regata. “Se le nostre ipotesi verranno verificate da questo studio, potremo poi applicarle al pubblico in generale, visto che tutti noi soffriamo lo stress nella vita quotidiana.” Ha spiegato ancora il dottor Ugander. “Se proveremo che enormi livelli di stress possono avere effetti sul cuore, sarà un importante primo passo per determinare quali dosi di stress fisico e mentale siano da considerarsi pericolose per la salute. Inoltre, anche se non ci saranno provati effetti negativi sul cuore, il progetto fornirà informazioni altrettanto rilevanti.”

Alvimedica, la società con sede in Turchia e attiva sul piano internazionale sviluppa strumenti medici creando e studiando tecnologie non invasive, inclusi gli stent cardiovascolari e spera che lo studio possa rivelare fatti importanti sugli effetti dello stress sul cuore e sul corpo umano in generale. L’equipaggio della barca, composto da otto velisti, è stato sottoposto a test approfonditi prima della partenza della regata in ottobre ad Alicante e verrà esaminato all’arrivo in sette dei dieci porti sedi di tappa.

I dati finali del progetto verranno pubblicati solo al termine del giro del mondo, ma alcuni dei risultati intermedi saranno già utilizzati per migliorare la dieta, il benessere, la forma fisica e le fasi di recupero anche durante la regata.

Il bel video dell’arrivo di Team Alvimedica a Cape Town:

http://youtu.be/Q1ISuVARD3A

www.volvooceanrace.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here