SHARE

Guadalupa- Dopo il trionfo di Francois Gabart negli Imoca 60, seguito da Jeremie Beyou e Marc Guillemot (ad Alessandro Di Benedetto mancano ancora 458 miglia), l’attenzione della Route du Rhum si concentra ora sull’esito delle classi Class 40 e Rhum. Nella prima sta regatando benissimo lo spagnolo Alex Pella, che alla mezzanotte di domenica con il suo Tales 2 Santander è a 510 miglia dall’arrivo con 98 miglia di vantaggio sul francese Thibaut Vauchel-camus e 121 su Kito de Pavant.

Giancarlo Pedote sta navigando molto bene sul Fantastica di Lanfranco Cirillo e, dopo aver conquistato la nona posizione, sta provando adesso ad acciuffare l’ottavo, Miranda Merron, che lo precede di 135 miglia con 821 ancora da percorrere per Pointe a Pitre. Non sarà facile ma il navigatore fiorentino ha già compiuto un’impresa risalendo dall’ultimo al nono posto dopo la sosta iniziale a Roscoff che gli aveva fatto perdere dodici ore e si è posizionato sempre molto bene nella ricerca e nella gestione dell’Aliseo.

Giancarlo Pedote
Giancarlo Pedote

Nella Classe Rhum il trimarano di Anne Caseneuve, salvo avarie, ha la vittoria in tasca. La francese è a 638 miglia dall’arrivo, con ben 625 miglia di vantaggio sul secondo, Wilfrid Clerton. Andrea Mura, che è ora sceso al quarto posto a 730 miglia, dovrà ora cercare di riconquistare almeno il secondo. Per rimediare in parte all’errore strategico nel passaggio dell’Anticiclone delle Azzorre, che gli ha fatto perdere 600 miglia in quattro giorni, Vento di Sardegna è sceso adesso molto a sud per cercare finalmente quell’Aliseo che gli altri avevano ormai da una settimana. Mura ha 105 miglia da recuperare sul secondo a 1264 miglia dall’arrivo. Terzo è il leggendario Robin Knox-Johnston, che precede Mura di 18 miglia.Dal più nordista della flotta, Mura ora è il più sudista in un Aliseo in questa fase ababstanza instabile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here