SHARE

Pointe a Pitre, Guadalupa- Si è conclusa alle 16:19 di oggi anche la Route du Rhum di Andrea Mura, secondo classificato con il suo Felci Open 50 Vento di Sardegna nella classe Rhum. Il velista sardo ha impiegato 20g 2h 19m e 36s per concludere la regata, due giorni e 17 ore in più del vincitore, la francese Anne Caseneuve sul trimarano Aneo.

Vento di Sardegna alla partenza del Rhum
Vento di Sardegna alla partenza del Rhum

Per Andrea Mura, che ricordiamo era il campione uscente del Rhum in questa classe dopo lo splendido successo del 2010, un secondo posto (primo comunque tra i multiscafi) con diversi rimpianti, visto che Vento di Sardegna aveva dimostrato di poter ambire al bis. La causa del mancato successo è tutta da ricercare nell’errore tattico nell’attraversamento dell’Anticiclone delle Azzorre, decisione il cui rischio si intravedeva già all’uscita da Finisterre, dopo un’ottima uscita dalla Manica tra le burrasche, quando Mura aveva scelto un’opzione molto occidentale vicina all’ortodromica, quando invece tutti gli altri avevano preferito scendere verso le Canarie per agganciare prima l’Aliseo. L’Anticiclone ha inevitabilmente “intrappolato” Vento di Sardegna per tre giorni.

Andrea Mura festeggia il secondo posto all'arrivo
Andrea Mura festeggia il secondo posto all’arrivo

Dopo un vantaggio di oltre 100 miglia su Aneo, Mura ha quindi perso in tre giorni ben 600 miglia, rendendo impossibile ogni tentativo di recupero e scendendo fino al quarto posto. Una volta giunto nell’Aliseo, Vento di Sardegna ha poi rapidamente recuperato la seconda posizione che gli spettava come più veloce e preparato tra i monoscafi, dimostrando quanto già si sapeva, ovvero una velocità media e prestazioni dello skipper decisamente superiori. Mura si è messo sotto per recuperare e ha ottenuto un secondo posto, la cui analisi certo gli servirà per non commettere più errori strategici analoghi nelle prossime regate e, soprattutto, nella prossima campagna Imoca 60 che il velista-velaio cagliaritano ha già annunciato in vista del Vendee Globe 2016.

Mura ha preceduto a Pointe a Pitre la leggenda della vela oceanica Sir Robin Knox-Johnston su “Grey Power”, 75 anni di esperienza e passione, preceduto di poco meno di sei ore all’arrivo.

Sir Robin Knox-Johnston all'arrivo
Sir Robin Knox-Johnston all’arrivo

“E’ stata una Route du Rhum faticosa e piena di imprevisti, più dura dell’edizione 2010″, ha dichiarato Mura all’arrivo, “Dopo le burrasche nella prima parte della regata e la fase di calma nell’anticiclone delle Azzorre, nella parte finale è stata una sfida entusiasmante e un onore lottare con sir Robin e – nonostante alcune piccole avarie – tagliare il traguardo come primo dei monoscafi”.

Vento di Sardegna, il veloce Open 50 disegnato da Felci e sponsorizzato dalla Regione Sardegna, ha ottenuto a oggi quattro vittorie e un secondo posto nelle sue cinque apparizioni ufficiali: Route du Rhum 2010, Twostar 2012, Quebec-S. Malò 2012, Ostar 2013, Route du Rhum 2014.

Il video dell’arrivo:

Arrivée à l’italienne ! di routedurhum

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here