SHARE

Ravenna- Venerdì 28 novembre si è tenuto a Ravenna, presso il Teatro Alighieri, il convegno “Le opere di ingegneria nel recupero della Costa Concordia: incontro con i protagonisti” promosso dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna. Il convegno ha messo in luce molti aspetti sconosciuti al grande pubblico della complessa operazione di recupero che non ha precedenti nella storia dell’ingegneria navale.

Nel corso del convegno sono state proiettate un centinaio di immagini scattate dalla Foto Reporter Serena Galvani che ha seguito la vicenda della Costa Concordia dal giorno del suo arenamento a Giglio Porto fino alla partenza del relitto verso Genova. Serena Galvani ha voluto documentare con la sua personale sensibilità non solo la tragedia della Concordia, la nave passeggeri di maggior tonnellaggio mai naufragata nella storia mondiale della Marineria, ma anche l’impegno titanico degli uomini e delle Aziende che hanno realizzato, per la rimozione del relitto, soluzioni innovative grazie a una cooperazione internazionale di altissimo livello.

La partenza della Concordia dal Giglio. Fotro Serena Galvani
La partenza della Concordia dal Giglio. Fotro Serena Galvani

Emma Garelli, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri ravennati, ha aperto il convegno sottolineando l’importanza e il valore di questa impresa che rafforzerà non solo il settore dell’Ingegneria Navale ma anche l’immagine dell’Italia in un momento non facile per il nostro paese. Il Presidente e A.D. di Micoperi Silvio Bartolotti ha illustrato con chiarezza al pubblico perché un progetto tutto italiano si sia imposto sulla concorrenza estera per la sua genialità e audacia. Durante il convegno è stato anche proiettato un video inedito della Micoperi che ha riassunto le fasi salienti di tutta l’operazione.

Locandina

Il Convegno, rivolto prevalentemente agli ingegneri, ha registrato oltre 800 iscritti provenienti da ogni parte d’Italia e ha fornito otto crediti professionali ai partecipanti.

 serenagalvani.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here