SHARE

Annapolis, USA- Il cantiere inglese Gunfleet, nato da una costola di Oyster Marine, conquista gli States. E lo fa con il suo gioiello di 58 piedi nato dalla matita di Tony Castro. Dopo essere stato a un passo dalla vittoria alla scorsa edizione dell’European Yacht of the Year, ora il Gunfleet 58 si è preso una piccola rivincita oltreoceano, ricevendo al salone nautico di Annapolis il premio come miglior barca del 2015 conferito dall’autorevole magazine nazionale Sail.

Il Blue Water è il terzo realizzato dal cantiere con sede a Ipswich dopo il 43 e il 74 piedi. Un attacco diretto al concorrente Oyster Marine apprezzato nel mercato delle navigazioni oceaniche.

Il Gunfleet 58 vince il premio come miglior barca 2015 consegnato dalla rivista americana Sail
Il Gunfleet 58 vince il premio come miglior barca 2015 consegnato dalla rivista americana Sail

Lo scafo, con rinforzi in kevlar, carbonio e balsa per essere leggero e robusto, presenta un pozzetto centrale protetto e sufficientemente ampio per crociere all’insegna del comfort. Il pescaggio, altra qualità, varia da 1,75 a 3,60 metri per potersi adattare ai diversi fondali.

Il layout degli interni è a 4 cabine con armatoriale a poppa e una VIP a prua e 2 bagni. Impressionante l’area del quadrato, una hall di albergo.

Scheda tecnica:
Lunghezza scafo  18,25 m
Larghezza  5,20 m
Immersione  1,75-3,60 m
Dislocamento  31.000kg
Sup. velica  177,00 mq
Architetto: Tony Castro

www.gunfleetmarine.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here