SHARE

Aggiornamento ore 10- Wild Oats XI ha vinto in tempo reale per l’ottava volta la Rolex Sydney to Hobart. Il 100 piedi della famiglia Oatley ha tagliato la linea d’arrivo alle 15:03:26 ora locale (le 5:36 di oggi CET), precedendo di circa 49 min uti il rivale Comanche, che aveva guidato la regata all’uscita della Baia di Sydney. Wild Oats XI, guidato dallo skipper Mark Richards, diventa così la sola barca ad aver conquistato per otto volte i line honour della più dura e celebre regata d’altura al mondo.

Wild Oats XI all'arrivo. Foto Borlenghi/Rolex
Wild Oats XI all’arrivo. Foto Borlenghi/Rolex

Da segnalare il disalberamento del Volvo 70 Giacomo, su cui regata l’italiano Francesco Mongelli, con la barca che sta procedendo a motore verso un ridosso lungo la costa est della Tasmania.

Il video dell’arrivo:

Per la vittoria overall in tempo compensato, al momento in testa ci sono barche della Classe 4, per cui dovremo attendere almeno fino al 30 dicembre per conoscere i vincitori IRC e di classe.

La gallery dell’arrivo, foto di Carlo Borlenghi:

Hobart, Australia- Sta andando molto bene per Wild Oats XI e male per il nuovissimo Comanche la parte finale della Rolex Sydney to Hobart Yacht Race. Dopo che il supermaxi da 100 piedi americano aveva condotto la regata all’uscita dalla Baia di Sydney e nelle prime ore di regata, il 100 piedi australiano, già vincitore di sette Hobart, si è rifatto sotto e ha superato il rivale, apparso un po’ in difficoltà nel mare confuso all’inizio dello Stretto di Bass.

Wild Oats XI in bolina verso la Tasmania. Foto Forster/Rolex
Wild Oats XI in bolina verso la Tasmania. Foto Forster/Rolex

Wild Oats XI ha poi aumentato il vantaggio fino a ben 40 miglia alla fine dello Stretto, dopo che Comanche è rimasto “imbottigliato” in una zona di convergenza con poco vento. Lungo le coste della Tasmania, nella serata di sabato, Ken Read e James Spithill, rispettivamente skipper e timoniere dell’impressionante Comanche, stanno provando a recuperare con velocità al lasco sui 25-26 nodi. Il vantaggio di Wild Oats XI, però, sembra solido e alle 20:20 CET (le 6:20 di domenica in Australia) erano ancora 28 le miglia di vantaggio. Potrebbe rivelarsi decisivo il passaggio alle celebri scogliere Pipe Organ, che segnano l’ingresso della Storm Bay, in cima alla quale si trova il fiume Derwent e la città di Hobart, distante ancora 102 miglia per il leader. Comanche godrà di più vento quando Wild Oats sarà nel ridosso e la distanza si accorcerà.

Il video del secondo giorno di regata:

L’ETA è per l’alba di domenica in Italia, il tardo pomeriggio ora locale. Per Wild Oats XI, il 100 piedi della famiglia Oatley guidato da Mark Richards e con lo spagnolo Juan Vila come navigatore, si tratterebbe di una storica ottava vittoria nell’anno in cui la presenza di Comanche e di Perpetual Loyal (ritiratosi per avarie) faceva pensare a un esito diverso.

Il Volvo 70 Giacomo, su cui è imbarcato anche l’italiano Francesco Mongelli, è al momento settimo in reale a 143 miglia dall’arrivo.

www.rolexsydneyhobart.com/tracker/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here