SHARE

Varazze – Il 2015 all’Invernale del Ponente inizia con una grande assente: la Tramontana. Era attesa in tarda mattinata, ma al posto suo entra uno svogliato est, incostante come intensità e come direzione, appena sufficiente a portare a casa una prova. Conferme e delusioni per la flotta che regata a Varazze, alcuni acuti e qualche giro a vuoto. Andiamo a vedere come si sono comportati i protagonisti in questa prima prova del 2015, la quarta ai fini della classifica del Campionato: chi sale e chi scende, delusioni e rimonte a tre giornate dal termine.

Obsession
Il First 45 Obsession, vincitore in race 4 tra i crociera-regata

Chi sale

Obsession: il First 45 di Mario Rossello ingrana finalmente la marcia giusta dopo una prima parte di Campionato abbastanza sottotono per una barca che partiva da favorita assoluta e che sembrava avere pochi rivali. Obsession sale invece in cattedra in race 4, andando a vincere bene sia in reale sia in compensato: risale in classifica fino al quarto posto tra i crociera-regata, a mezzo punto dal podio. Il preludio di una grande rimonta?

Outlaw: il Class 33 di Giovanni Tissone è una macchina regolare, non sbaglia un colpo e anche quando sbaglia la fortuna arriva a dare una mano. Sembra proprio l’anno di questa barca nel Ponente: un altro secondo posto rinforza la leadership in classifica tra i crociera-regata, in reale sempre a ridosso delle barche più grosse senza fare mai una sbavatura in manovra. Nella seconda partenza il ripetitore grazia Outlaw da uno start sbagliato; si riparte e Outlaw si impantana sottocosta nella bonaccia mentre gli avversari diretti scappano al largo, ma arriva lo stop alla regata dal Comitato. Bravi e fortunati, quasi imbattibili?

Scintilla J: la barca di Antonio Macrì sembra non sentire mai l’età e se becca la domenica giusta e le sue condizioni è facile vederla tra i primi. Il podio overall crociera-regata resta lontano, ma il terzo posto in race 4 la fa salire in quinta posizione.

JStorm: il J111 di Guido Tabellini ingrana finalmente la marcia giusta, vittoria di giornata in classe IRC, un buon segnale per questo 2015 in cui JStorn dovrà vedersela con l’X35 Spirit of Nerina, l’avversario principale in classe IRC a Varazze..

Zaza: il First 36.7 di Moresino è la barca da battere nella classe Diporto: veloce, pulita in manovra, per gli avversari non sarà facile evitare la fuga nelle prossime giornate.

 

Chi scende

Il Comitato di Regata: le regate in stile corsa dei cavalli non piacciono a nessuno. I salti di vento esistono, così come la possibilità di fare un cambio di percorso o, perché no, annullare la regata. Ma correre su un monobordo senza mai virare o strambare non è divertente.

Sottovuoto: Inguardabile la race 4 del Dufour 34. La barca sorpresa della prima parte di Campionato inizia il 2015 in overdose da panettoni e sbaglia tutto chiudendo, meritatamente, al terzultimo posto race 4. Poco passo con aria leggera, manovre macchinose, la domenica degli uomini di Fulvio Braga è da dimenticare. Il subentro dello scarto li salva in classifica tenendoli al secondo posto overall crociera-regata a pari merito con il Comet 45 Voscià, ma non si può più sbagliare.

Voscià: con poco vento suona il campanello d’allarme per il Comet 45 di Aldo Resnati, ottimo protagonista della prima parte ma un po a rilento in questa prima del 2015. I primi posti sono alla portata di un equipaggio che ha dimostrato di essere cresciuto tantissimo nell’ultimo anno. Crederci è obbligatorio. Lo scarto lo tiene al secondo posto overall crociera-regata, ne sapremo di più nella prossima giornata.

http://invernaleponente.it/

 

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here