SHARE

Abu Dhabi, EAU- Clamoroso: la vela non farà parte delle discipline paraolimpiche alle Paralimpiadi di Tokyo 2020. Un duro colpo per la vela internazionale che il presidente dell’ISAF Carlo Croce non ha potuto evitare. La notizia è stata data dallo stesso International Paralympic Committee (IPC) che ha comunicato ieri al termine della sua riunione ad Abu Dhabi le 22 discipline del programma 2020. Tra queste, appunto, non ci sarà la vela, esclusa insieme al calcio a 7 dal programma.

Atleti paralimpici a Miami per la recente tappa dela World Cup ISAF
Atleti paralimpici a Miami per la recente tappa dela World Cup ISAF

Ciò costituirà un enorme passo indietro per la vela paralimpica, che come noto al momento contra su tre discipline: 2.4, Skud 18 e Sonar. Queste tre classi parteciperanno al programma della ISAF Sailing World Cup fino al 2016 per poi avere un futuro assai incerto, se verranno meno i finanziamenti legati allo sport paralimpico.

Sulla clamorosa decisione vi sono state già importanti prese di posizione, tra cui quella della Royal Yaching Association, che si è detta “molto dispiaciuta per questa scelta” e ha dichiarato di afre tutto il possibile per favorire un movimento internazionale che possa portare a un recupero della vela paralimpica. “Una decisione che lascia allibiti”, è stato il commento della Federvela.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here