SHARE

Lampedusa- Onde fino a 8 metri e mare 7 da nord ovest. Neanche le condizioni proibitive del Mediterraneo fermano i traffici di esseri umani dalla Libia, dove domenica a poche miglia dalla costa un barcone con a bordo un centinaio di migranti ha rischiato di affondare. Nonostante le drammatiche condizioni meteomarine e a rischio della propria incolumità, gli equipaggi di due motovedette della Guardia costiera di Lampedusa con a bordo personale medico del CISOM, hanno risposto alla chiamata di aiuto e dopo aver raggiunto il barcone sono riusciti a trarre in salvo gli occupanti.

Schermata 02-2457064 alle 13.42.38

Sul posto, il Centro nazionale di soccorso della Guardia costiera di Roma ha inizialmente dirottato la nave Bourbon Argos  presente in zona, che ha atteso l’arrivo delle motovedette offrendo riparo con il proprio scafo. Successivamente il mercantile è stato impiegato per ricercare un altro eventuale barcone, segnalato da alcuni familiari alle autorità spagnole. L’arrivo delle 2 motovedette a Lampedusa, previsto inizialmente nella mattinata di ieri, è stato ritardato a causa del maltempo che sta imperversando nel Canale di Sicilia e che rende la navigazione particolarmente difficoltosa. Tra i migranti, duramente provati dal viaggio e dalle condizioni atmosferiche si sono contati purtroppo 7 cadaveri.

L’intervento della Guardia Costiera non si ferma neanche in condizioni estreme, come dimostra questo video diffuso dalla Guardia Costiera e che mostra una motovedetta classe 300 in navigazione estrema durante l’intervento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here