SHARE

Las Palmas, Canarie – Tutta la flotta è tornata in Atlantico con il passaggio dell’Horn di Spirit of Hungary. Dopo 75 giorni di regata sono 1900 le miglia di vantaggio che separano Cheminées Poujoulat dall’arrivo e dalla vittoria della Barcelona World Race: Bernard Stamm e Jean Le Cam conservano ancora 948 miglia di vantaggio sull’inseguitore più vicino, Neutrogena di Guillelmo Alatadill e José Munoz.

BWR_SELFIE_Spirit of Hungary
Il selfie del ritorno in Atlantico per Conrad Coleman su Spirit of Hungary

A proposito di Neutrogena, il duello con Gaes Centros Auditivos per il secondo posto non è ancora finito. Il passaggio nei dolldrums ha riportato molto vicino Gaes, a meno di 50 miglia dagli avversari diretti, ma nelle prossime ore Neutrogena dovrebbe entrare per prima nell’aumento di pressione dell’Aliseo. La posizione di Gaes è però molto interessante, avendo guadagnato in posizionamento sopravvento, Anna Corbela e Gerard Marin hanno ancora diverse chance d’attacco se nelle prossime 24 ore riescono a non perdere troppo terreno.

Più indietro, a 2354 miglia dal leader, è praticamente match race in Atlantico per We Are Water e One Planet: i primi, il duo Garcia, conservano appena 1 miglia di vantaggio sui rivali e non è scluso che in queste ore le due barche stiano regatando a vista.

Seguono Renault Captur a 3477 miglia dal leader, e Spirit of Hungary che, a 4921 miglia, ha doppiato da poche ore un Capo Horn in burrasca.

http://www.barcelonaworldrace.org/en/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here