SHARE

Genova – Ultimi colpi di coda e movimenti in UCINA Confindustria Nautica che si appresta ad eleggere il nuovo Presidente dell’associazione. Il voto è in programma venerdì 27 marzo, e la corsa sembra ormai diventata a due dopo l’uscita di scena di Andrea Razeto e Corrado Salvemini e la candidatura di Lamberto Tacoli che, dopo la presidenza pro tempore assegnatagli, prova la sfida a Carla Demaria.

Nautico giorno uno
LA darsena del settore vela all’ultimo Salone Nautico di Genova

Segnali di grande distensione da parte dei due candidati, che da settimane predicano unità e compattezza, collaborazione e confronto tra tutte le anime dell’associazione, cercando di azzerare le polemiche e lavorando per ritrovare l’armonia dopo mesi di conflitti roventi tra le varie componenti di UCINA.

Tacoli, ad CRN cantiere che fa parte del gruppo Ferretti, si presenta alle elezioni forte dell’operazione che ha portato UCINA a ricucire i rapporti col governo in ottica Salone Nautico. Un manager di spessore che rappresenterebbe a pieno gli interessi dei “big” della nautica italiana.

Carla Demaria invece, alla guida di Monte Carlo Yachts e Beneteau Italia, corre alla Presidenza forte della sua esperienza di manager internazionale, una candidatura che potenzialmente rappresenta interessi molto ampi: dalle barche a motore al settore vela, la Demaria potrebbe incontrare l’assenso di piccole e grandi aziende.

Entrambi i nomi possono dare tanto alla nautica italiana, ma hanno la grossa responsabilità di dare un segnale forte in UCINA da subito, oltre che l’obbligo di un dialogo attivo con il Governo per trovare sinergie e strategia importanti per favorire la ripresa del settore.

http://www.ucina.net/it/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here