SHARE

Auckland. Nuova Zelanda- L’opera di distruzione dell’America’s Cup da parte del suo detentore Oracle Racing ha toccato ieri un punto che in pochi si immaginavano. Chiaro, la nostra è una provocazione evidente, visto che il defender vorrebbe, per sua ammissione, fare della cara vecchia Coppa uno degli eventi spoirtivi di maggior richiamo al mondo. Ma, a 25 mesi dalla regata, la situazione pare ben diversa…

Luna Rossa AC45 in foiling a Cagliari. Foto Borlenghi
Luna Rossa AC45 in foiling a Cagliari. Foto Borlenghi

Un ulteriore cambio delle regole a gioco iniziato, ovvero l’annuncio che per limitare i costi si sarebbe disputata la Coppa nel 2017 con una classe più piccola rispetto all’AC62, ha provocato ieri l’immediata reazione di Patrizio Bertelli, team principal di Luna Rossa Challenge, insieme a ETNZL il più longevo tra gli sfidanti attualmente in corsa. In una pausa dei suoi impegni aziendali in Giappone, dove si trovava con Miuccia Prada, l’industriale aretino ha dettato un comunicato stampa di fuoco. Luna Rossa è fermamente contraria a tale misura e nel dettaglio ritiene che:

“Il team Luna Rossa non ritiene che lo sport debba finire nei tribunali e non intende quindi avviare un’annosa vertenza giudiziaria, che porterebbe solo pregiudizio all’evento.

Qualora non sia rispettato il principio dell’unanimità per il cambiamento della Regola di Classe per tutti i team iscritti, il team Luna Rossa si vedrà costretto a ritirarsi dalla 35^ America’s Cup.

Il team Luna Rossa auspica quindi che un chiarimento ufficiale da parte del Defender sia reso pubblico il più rapidamente possibile, anche allo scopo di non compromettere l’organizzazione dell’evento America’s Cup World Series – Cagliari – Sardinia, previsto dal 4 al 7 giugno 2015”.

Alle dichiarazioni di Luna Rossa ha fatto eco anche Emirates Team New Zealand che, dal suo profilo facebook, ha fatto sapere che “ETNZL è d’accordo con Luna Rossa Challenge. Sarebbe antisportivo cambiare le regole a questo punto a meno che tutti i team di AC siano d’accordo”.

Patrizio Bertelli e Max Sirena. Foto Borlenghi
Patrizio Bertelli e Max Sirena. Foto Borlenghi

Sia LR sia ETNZL parlano chiaramente di unanimità. E proprio questo paree essere il punto. Dei sei team attualmente in gioco, tre (il defender Oracle e i due newcomer Ben Ainslie Racing e Team France) sono favorevoli a una classe più piccola, che non sarebbe però l’AC45 ma un AC tra i 47 e i 54 piedi. Due (Luna Rossa e Emirates Teasm New Zealand) sono contrari e uno (Artemis) non si è ancora apertamente espresso.

Grant Dalton
Grant Dalton

Dato che i cambiamenti del protocollo devono essere raggiunti a maggioranza, la situazione pare assai a rischio. Dopo la rinuncia del challenger of record Team Australia, proprio Luna Rossa rinunciò a tale incarico preferendo portare avanti una politica di unanimità tra i team. Unione che proprio Oracle Racing, con il supporto dei team con difficoltà a completare il budget per un AC62, sarebbe disposta a rompere, provocando inimmaginabili conseguenze sulla credibilità residua della Coppa.

Non solo, ETNZL vedrebbe la candidatura di Auckland come sede delle Qualifiers series preedenti la Coppa alle Bermuda messa sul piatto dell’appoggio al cambio di barca. Niente appoggio niente sede di Auckland, il che comporterebbe alla perdita dei fondi governativi neozelandesi per ETNZL, con inevitabili problemi di sostenibilità per Grant Dalton e soci, come riporta il New Zealand Herald in questo articolo. Ricordiamo che tale sede ancora non è stata ufficializzata.

Grant Dalton ha chiarito in questo video che la scelta tra regatare ad Auckland sugli AC62 e farlo su una barca più piccola in altra sede è ovvia e che ETNZL appoggia Luna Rossa:

Spiega bene la situazione Richard Gladwell, in questo riuscito articolo su SailWorld.

Cosa accadrà adesso? La storia della Coppa è piena di sfide e di cambi di rotta, ma la mancanza di regole certe nella gestione Oracle ha del clamoroso. Luna Rossa ed ETNZL sono due sfidanti di cui evidentemente Oracle non può fare a meno per non far perdere del tutto la credibilità al suo evento. Patrizio Bertelli è stato chiaro e diretto e non dimentichiamo cher all’inizio di giugno dovrebbe svolgersi a Cagliari la prima delle AC World Series, evento che senza Luna Rossa perderebbe di significato. Si annunciano giorni di frenetiche trattative mentre la fiducia nel più grande spettacolo velico al mondo continua a scendere.

5 COMMENTS

  1. Facite ammuina?
    Non è che visto il calo di interesse un po’ di polemiche riportano un minimo di
    attenzione mediatica su questa CA corsa come d’uso più nei tribunali che in acqua?
    Peccato che la parte tecnologica e appassionante passi in seconda linea.
    Forse dovevano tenersi le classi metriche e lasciare cat e foiling ad altre sfide…

  2. io mi stupisco che ci sia ancoa gente interessata a questa farsa, ma perchè bertelli invece di buttare decine di milioni nell’America’s Cup non ne spende solo una parte nella VOR? Mi pare che la VOR sia una cosa molto più seria (e, a mio modestissimo modo di vedere, molto più interessante) dell’America’s Cup

  3. Si vabbè, anche io sono rimasto sorpreso dal comunicato; sono certamente d’accordo con luna rossa e ezln e infastidito da anni dell’aria spocchiosa di ellison..però la coppa è di oracle al momento, e tutti sappiamo che è un trofeo che bisogna strappare dalle mani del vincitore, non basta vincerlo. Questa caratteristica è rimasta invariata da quasi 200 anni, e qui tutti ancora a sorprendersi come se la coppa dovesse diventare una regata di monotipi…eppoi basta con ‘sti titoloni clamorosi, mancano due anni e vedrete che in modo o nell’altro si metteranno d’accordo. Cari redattori di FV, sparate pure a zero sul regolamento e la gestione; lo avete fatto anche prima dell’ultima edizione vinta da oracle, con critiche alle barche e tutto il resto (ed io ero d’accordo, sia chiaro) però tutti abbiamo cambiato un po’ idea vedendo lo spettacolo offerto da quelle macchine da guerra in acqua…comunque grazie per tenerci informati e per i sempre interessanti approfondimenti tecnici!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here