SHARE

Ushuaia, Argentina- Dongfeng è arrivato a Ushuaia, la città più meridionale del pianeta situata nella sponda meridionale della Terra del Fuoco, dopo aver percorso i labirinti patagonici del Canale di Beagle. Il VO65 ha potuto così liberarsi della parte alta dell’albero, che aveva trascinato per diverse miglia dopo la rottura occorsa lunedì notte. Lo skipper Charles Caudrelier ha detto: “E’ un colpo durissimo. Con l’albero si è infranto anche il nostro sogno di poter doppiare capo Horn. Per alcuni di noi, e soprattutto per Wolf e Black (i due velisti cinesi) sarebbe stata la prima volta e avevano lavorato tanto duramente per arrivare all’obiettivo, avevano sofferto tanto. Dopo quattro tappe straordinarie è un colpo molto duro.”

Nella serata di martedì Caudrelier ha poi annunciato che Dongfeng ha deciso di ritirarsi dalla Leg 5 e di proseguire appena possibile verso Itajaì a vela e motore, rinunciando quindi a doppiare Capo Horn.

Dongfeng verso l'ingresso del Canale di Beagle, nella Patagonia cilena. Foto Riou
Dongfeng verso l’ingresso del Canale di Beagle, nella Patagonia cilena. Foto Riou

Tuttavia, come ha sottolineato lo skipper Charles Caudrelier, il problema è avvenuto non distante dalle coste del sud America e dunque con maggiori possibilità di trovare delle soluzioni. Privata della parte superiore dell’albero la barca con bandiera cinese ha perso molta capacità di manovra e, inoltre, per evitare ulteriori danni Kevin Escoffier ha dovuto salire sull’albero per tagliare dei cavi e una delle vele, il code 0 frazionato anche detto FRO. In una manovra non semplice Escoffier ha anche tagliato la parte rotta dell’armo.

Il team franco/cinese ha informato il Race Control centre di Alicante di aver sospeso la regata alle 01.30 UTC e ora deve decidere se effettuare le riparazioni necessarie ad Ushuaia, dove è giunto poco dopo le tredici di oggi martedì, e riprendere la regata. In alternativa Caudrelier e i suoi potrebbero abbandonare la tappa e trasportare la barca via terra a Itajaì, in Brasile, sede del prossimo stopover, per la sostituzione completa dell’armo in tempo per prendere il via alla prossima frazione verso Newport, la cui partenza è in programma per il 19 aprile.

E dopo Capo Horn…

Nel frattempo, dopo il passaggio da Capo Horn di ieri, Abu Dhabi è riuscito a passare Alvimedica e si trova in testa alla flotta, che ha lasciato le Falkland/Malvinas a Dritta, navigando ancora a medie sui 20 nodi. Alle 17:40 CET Azzam aveva 7,9 miglia su Alvimedica, 16,1 su Mapfre e 29,2 su Brunel. Team SCA è a 669 miglia e doppierà Capo Horn domani.

Alvimedica a Capo Horn. Foto Ross
Alvimedica a Capo Horn. Foto Ross
Sigari come da tradizione per Iker Martinez e il suo equipaggio su Mapfre a Capo Horn. Foto Vignale
Sigari come da tradizione per Iker Martinez e il suo equipaggio su Mapfre a Capo Horn. Foto Vignale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here