SHARE

Lorient, Francia- Va bene che vogliono la Coppa America low cost, ma non avere ancora neanche i 7 milioni di euro per il budget del primo anno fa un po’ pensare.. su cosa sia questa nuova Coppa America voluta da Oracle Racing e dai team “minori”. L’intervista del 6 aprile scorso di Franck Cammas di Team France alla francese Europe 1 Radio, e ripresa da Jack Griffin su cupexperience.com apre diversi interrogativi. Cammas parla apertamente di non avere ancora il budget sufficiente per coprire i 7 milioni di euro all’anno stimati per la campagna e annuncia che Team France userebbe un AC45 di Oracle Racing per le prossime AC World Series. Un team, quindi, in tutto satellite del defender, che è stato decisivo nel voto di 3-2 sul cambio di classe che ha portato alla scelta dell’AC48 e al conseguente ritiro di Luna Rossa Challenge.

Non solo, Team France userà addirittura il progetto AC48 di Oracle Racing, il che pone domande sulla reale indipendenza di quel sindacato. Insomma a votare sulla riduzione delle barche è stato un team che non ha neanche il budget a oggi per costruire la barca più piccola per la quale ha votato… Se la Coppa oracliana vuol essere credibile, non sembra questa la ghiusta rotta.

Team France userà un AC45 di Oracle Racing
Team France userà un AC45 di Oracle Racing

Affermazioni analoghe erano state già fatte da Michel Desjoyeaux, che ammetteva che Team France era ancora lontana dal budget. In più il team francese ha ricevuto una deroga nel pagamento della quota d’iscrizione. Il che fa riflettere sul fatto che team ancora senza budget abbiano avuto nella commissione challenger lo stesso peso sul voto di Luna Rossa o ETNZL. Ma evidentemente la presenza di Ben Ainslie Racing e del team inglese (alle Bermuda) e del team francese, più altri “low cost”, e preferibile per Oracle Racing e ACEA alla presenza di team solidi e anche potenzialmente pericolosi come l’italiano e il neozelandese. Unas Coppa America “per tutti” è un controsenso nella storia stessa dell’evento, che tra i suoi punti d’attrazione aveva sempre avuto quello della difficoltà di partecipare al massimo livello. Il low cost è certo comprensibile, ma almeno i soldi per iscriversi uno dovrebbe averli se vuole essere credibile e pretendere di votare con chi il budget lo ha e lo stà già usando. Purtroppo, tornano qui le condiderazioni sull’errore di “fiducia” di Luna Rossa sulla commissione dei challenger.

3 COMMENTS

  1. mMa possibile che davanti a questa ennesima porcata della coppia Ellison Cutts il mondo della Vela mondiale con la V maiuscola ha fatto solo qualche timida dichiarazione. Un team senza una lira che non ha ancora pagato completamente la quota di ingresso, che non ha uno straccio di budget e che adesso utilizzerà il pacchetto di Oracle (come premio ?) e’ stato determinante ai fini di questa pagliacciata venduta come un modo per ridurre i costi. A giugno quando e’ stato deciso di utilizzare all’ unanimità un progetto per un AC62 i team che hanno votato a cosa pensavano ? Certo da buon Italiano Bertelli e’ stato molto molto ingenuo a non diventare challenger of the record cosa che gli avrebbe dato potere di opporsi a queste decisioni. Un applauso ai Baronetti, agli squattrinati francesi e agli svedesi distaccati che alla corte della coppia LE e RC stanno collaborando a distruggere la piu’ antica competizione a vela, dove la genialita’ e la fantasia sono state per centinai di anni l’ anima di questa competizione. Dice una pubblicità: TI PIACE VINCERE FACILE…accomodati Oracle la 35 America’s Cup e’ gia’ tua.

  2. con chi bara non si gareggia e l’accoppiata ellison-coutts non mi sembra che sia l’emblema della correttezza. vogliono una coppa america spettacolare con chi vogliono loro, che le sa facciano e se la vincano tanto ormai l’hanno completamente devastata e ridicolizzata…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here