SHARE

Bermuda- Cosa farà Emirates Team New Zealand dopo la decisione, resa nota venerdì 17 aprile, di svolgere tutte le AC Qualifier alle Bermuda nel giugno 2017? Ancora una volta il Protocollo viene stravolto (i Qualifiers avrebbero dovuto essere in una località diversa – altro emisfero sottinteso – e 4 mesi prima, cosa che aveva fatto nascere la candidatura di Auckland, fondamentale per i finanziamenti del governo kiwi a ETNZL). Dopo il ritiro di Luna Rossa, anche Grant Dalton e compagni lasceranno? Le dichiarazioni di TNZL seguite all’abbandono di Patrizio Bertelli lasciavano aperta anche questa ipotesi.

ETNZL ha scelto di ricorrere all’arbitrato sul tema e, in attesa di conoscere i dettagli procedurali su una Commissione Arbitrale prevista ma non ancora formata, ha ribadito di essere contraria alla posizione presa dalla Commissione Arbitrale sulla questione “tutto alle Bermuda”. I dettagli in questo articolo.

In pratica si torna al formato della Louis Vuitton, con la selezione degli sfidanti che si svolge poco prima dell’America’s Cup Regatta e una serie di evidenti vantaggi per il defender, che parte concedere continui favori ai team minori, che hanno originato il voto sfavorevole a Luna Rossa nella commissione degli sfidanti.

Bermuda, sede della Coppa America 2017
Bermuda, sede della Coppa America 2017

Si continua intanto a parlare di un fantomatico Team Japan. Pare che sia l’ennesimo fantoccio, capitanato da Murray Jones e con l’AC45F per le ACWS pagato da Oracle e ci sarà giusto un giapponese a bordo per “rispettare” il Protocollo.

Altre clausole del Protocollo da riscrivere sembrano essere quelle relative alla barca 2 del defender, sia come data del varo sia quando potrà fare two-boat testing. Leggendo il comunicato di ACEA, si scopre che “TUTTI I TEAM regateranno in un doppio round robin per le AC Qualifiers, che sarà disputato con il nuovo AC Class foiling catamaran”. Quindi Oracle di fatto continua a regatare assieme agli sfidanti nei Qualifiers, solo che ora quelle regate sono veramente a ridosso della Coppa mentre nella versione precedente del Protocollo erano quattro mesi prima.

Dello stato della Coppa si è occupato anche il New York Times, in questo articolo dai toni critici verso la gestione oracliana.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here