SHARE

Hyeres, Francia- Si conclude con un bronzo, quello di Giulia Conti e Francesca Clapcich negli FX, la ISAF Sailing World Cup di Hyeres. Dopo le Medal Race di oggi, chiusa al quinto posto, Conti e Clapcich confermano quindi il piazzamento dei Mondiali di Santander, mentre l’unico altro equipaggio italiano tra i primi dieci, quello di Gabrio Zandonà e Andrea Trani, ha concluso all’ottavo posto nei 470 uomini dopo il decimo posto nella Medal. Una World Cup che mediamente fa segnare un punto di arresto nella squadra italiana, anche se il ritorno di Zandonà al top nei 470 fa sperare per una classe che deve ancora raggiungere la qualificazione a Rio 2016. Si è regatato con 20 nodi e onda.

Conti-Clapcich a Hyeres. Foto Socha
Conti-Clapcich a Hyeres. Foto Socha

I risultati finali:

Nacra 17 1.Billy Besson-Marie Riou/FRA; 2.Mandy Mulder-Coen de Koning/NED; 3.Renee Groeneveld-Steven Krol/NED; 11.Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri; 17.Federica Sal­và-Francesco Bianchi; 31.Lorenzo Bressani-Giovanna Micol.

RS:X F 1.Lilian De Geus/NED; 2.Charline Pichon/FRA; 3.Patricia Freitsa/BRA; 13.Laura Linares; 18.Marta Maggetti; 23.Flavia Tar­ta­gli­ni; 36.Veronica Fanciulli.

RS:X M 1.Pierre Le Coq/FRA; 2.Piotr Myszka/POL; 3.Byron Kokkalanis/GRE; 16.Mattia Camboni; 24.Federico Esposito; 25.Daniele Benedetti; 37.Marco Baglione.

49er 1.Peter Burling-Blair Tuke/NZL; 2.Nathan Outteridge-Iain Jensen/AUS; 3.Erik Heil-Thomas Ploessel/GER; 17.Stefano Cherin-Andrea Tesei; 23.Jacopo Plazzi-Umberto Molineris; 27.Rugge­ro Tita-Giacomo Cavalli; 29.Giuseppe Angilella-Pietro Zucchetti; 34.Luca Dubbini-Roberto Dubbini.

FX 1.Ida Nielsen-Marie Olsen/NOR; 2.Martine Grael-Kahena Kunze/BRA; 3.Giulia Conti-Francesca Clapcich; 31.Maria O. Raggio-Paola Berga­­maschi; 38.G. Genesio-Francesca Volpi.

Giles Scott, vincitore anche a Hyeres. © Copyright British Sailing Team
Giles Scott, vincitore anche a Hyeres. © Copyright British Sailing Team

Finn 1.Giles Scott/GBR; 2.Vasilij Zbogar/SLO; 3.Edward Wright/GBR; 17.Michele Paoletti; 18.Filippo Bal­das­sari; 29.Giorgio Poggi; 32.Enrico Voltolini.

Laser Standard 1.Tom Burton/AUS; 2.Nick Thompson/GBR; 3.Robert Scheidt/BRA; 20.Francesco Marrai; 27.Giovanni Coccoluto; 33.Alessio Spa­do­ni; 38.Enrico Strazzera.

Laser Radial 1.Evi Van Acker/BEL; 2.Gintare Volungeviciute Scheidt/LTU; 3.Josefin Olsson/SWE; 19.Silvia Zennaro; 25.Joyce Floridia.

470 F 1.Fernanda Oliveira-Ana Barbachan/BRA; 2.Jo Aleh-Polly Powrie/NZL; 3.Camille Lecointre-Helene Defranche/FRA; 16.Roberta Caputo-Alice Sinno; 23.Elena Berta-Giulia Paolillo; 25.Benedetta Di Salle-Alessandra Dubbini.

470 M 1.Sime Fantela-Igor Marenic/CRO; 2.Mathew Belcher-William Ryan/AUS; 3.Luke Patience-Elliott Willis/GBR; 8.Gabrio Zandonà-Andrea Trani; 25.Matteo Capurro-Matteo Puppo; 35.Simon Sivitz Kosuta-Jas Farneti.

Michele Marchesini, DT della squadra olimpica FIV: “Ancora una volta centriamo l’obiettivo di andare a podio a ogni tappa di Coppa del Mondo. Conti-Clapcich siglano un poker di rilievo, aggiungendo alle medaglie di Santander, Abu-Dhabi e Miami lo splendido bronzo di oggi. L’equipaggio italiano dello skiff femminile palesa quella solidità di prestazione che riteniamo importante e ricerchiamo per la seconda parte del quadriennio Olimpico.

Hyeres è sempre una regata da prendere “con le pinze”. Il campo di gara si è confermato tra i più impegnativi in assoluto ed ancor più quest’anno, nel suo range di vento meno consueto. Sicuramente abbiamo da lavorare parecchio nelle condizioni di leggero e oscillante, incontrate qui nelle giornate due, tre e quattro e che già avevamo sofferto a Miami in giornata uno, soprattutto in alcune classi. Peccato per il Nacra17, dove Bissaro-Sicouri hanno reso una prestazione opaca, principalmente per il poco smalto nelle partenze. Sappiamo comunque che il duo delle Fiamme Azzurre si saprà riscattare nel corso dei prossimi importanti appuntamenti. Rimanendo a parlare di classi di punta, vediamo nell’RS:X F un piccolo scivolone di Flavia Tartaglini e Laura Linares attestarsi sui suoi soliti valori, mentre degna di attenzione è la costante crescita della giovane Marta Maggetti. Nel maschile RS:X e Laser, come dicevamo poc’anzi dobbiamo affinare la gestione della regata, quando è richiesto di impostare la strategia sulle pressioni piuttosto che sugli angoli. Lo skiff maschile 49er ha un potenziale molto grande, ma manca ancora qualcosa, mentre vediamo progressi nel 470 F e attendiamo di vedere quali garanzie possa fornire per il futuro del 470 maschile il ritorno di Zandonà-Trani, ottavi questa settimana dopo il 24mo di Palma. Sicuramente questo loro risultato è di rilievo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here