SHARE

Arco- 57 i concorrenti che hanno preso parte al Campionato Nazionale Catamarani Classe A, organizzata dal Circolo Vela Arco in occasione del ponte del 2 giugno, Festa della Repubblica. A ingrossare le fila degli equipaggi italiani, che purtroppo si è fermata a 25 concorrenti, ha contribuito una qualificata e corposa partecipazione straniera per un totale di ben altri 32 equipaggi convenuti ad Arco dato che la regata era valida anche come Campionato Europeo di Primavera.

Il tedesco Thilo Keller iniziava bene il Campionato dominando un difficile primo giorno di regata caratterizzato da Ora molto fiacca. A ridosso di Thilo, il polacco Jakub Surowiec, il tedesco Bob Baier e quindi Alberto Farnesi, primo degli italiani, seguito da Luca Micolitti. In ombra l’equipaggio favorito, l’olandese Mischa Heemskerk, già Campione Europeo lo scorso anno proprio ad Arco nonché Campione del Mondo nel 2012, che finiva al 20° posto, evidentemente a difficoltà con aria leggera.

Nel secondo giorno di regata si disputavano finalmente tre prove, come di consueto. Una prima prova mattutina con Peler, in verità non al massimo dell’intensità e che svaniva dopo il completamento della prova, seguite da due belle prove nel pomeriggio con una Ora a 14 nodi. Assai a loro agio in queste condizioni, che hanno sempre permesso il “full foiling” al trapezio nelle andature portanti, gli equipaggi del nord Europa che si ritrovavano tutti entro le primi cinque posizioni della classifica generale. Al comando il polacco Jacek Noetzel, seguito da Thilo Keller e Jakub Surowiec; Mischa Heemskerk invece saliva prepotentemente al quarto posto avendo vinto tutte e tre le prove. Al quinto posto, Bob Baier seguito dal primo degli italiani Stefano Cavallari. Secondo e terzo degli italiani rispettivamente Paolo Penco, nono in generale, e Sandro Cavallari, undicesimo.

Queste le premesse per la terza ed ultima giornata del Campionato: tre prove ancora da disputare e distacchi ridotti per le posizioni di testa. Un Peler a 22 nodi metteva veramente a dura prova tutti gli equipaggi nella prima prova mattutina. Numerose le rotture con conseguenti ritiri. In particolare assai penalizzato risultava Mischa Heemskerk che non riusciva a prendere parte a nessuna prova a causa di una varia ai timoni del suo DNA MY 2015. Con Misha fuori gioco, il tedesco Thilo Keller, del Berliner Yacht Club, è stato bravissimo a vincere tutte e tre le prove laureandosi così Campione Europeo di Primavera. Al secondo posto il polacco Jacek Noetzel, del UKS Navigo ed al terzo, lo svizzero Sergio Vela, dello YC Ascona, premiato dalla sua regolarità nei piazzamenti.

A ridosso dei primi tre equipaggi nell’ordine, Bob Baier, Jakub Surowiec, Stefano Cavallari dell’Associazione Velica Lago di Ledro, che diventa così il nuovo Campione Nazionale Classe A, quindi Tymoteusz Bendyk, seguito da Giuseppe Colombo e Alberto Farnesi, che completano il podio del tricolore. Quindi il polacco Stefan Schleifer al decimo posto.

Dal punto di vista tecnico da segnalare l’ottimo equilibrio prestazionale della barca di Thilo Keller, una piattaforma Arrow MK2 di impostazione classica con derive a curvatura costante. Ciò evidentemente gli ha consentito di prevalere sulle immediate inseguitrici, rispettivamente una piattaforma eXploder con derive a “W” e uno Sheurer G7, anche in campo notoriamente ventoso.

In attesa del Mondiale Classe A di Punta Ala, il prossimo appuntamento per la flotta sarà la regata nazionale che si disputerà dal 20 al 21 giugno sul Lago d’Iseo con l’organizzazione dell’Associazione Nautica Sebina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here