SHARE

Lisbona, Portogallo- Si preannuncia una dura battaglia per la rapida ma intensa ottava tappa della Volvo Ocean Race, partita oggi da Lisbona dopo due ore di snervante battaglia contro venti leggerissimi e corrente nel fiume Tago. A uscire per primo dall’estuario è stato Brunel, seguito da Mapfre, che aveva tenuto la testa per la prima ora dopo la partenza. Alle 18, invece, è il redivivo Vestas a guidare la flotta nella bolina davanti a Cascais.

Brunel sotto al ponte del XXV Aprile sul Tago. Foto Pinto
Brunel sotto al ponte del XXV Aprile sul Tago. Foto Pinto

Bolina. Proprio questa sarà l’andatura chiave di questa tappa, in cui Abu Dhabi deve difendere i sei punti di vantaggio su Brunel e Dongfeng che ha in classifica. Sembrano molti, ma sono tali anche le insidie delle prossime 647 miglia, tante sono quelle che separano via mare Lisbona da Lorient. La meteo per le prossime 48 ore è inquietante. Prima venti leggeri e piovaschi lungo la costa lusitana, poi da lunedì sera venti fino a 40 nodi in bolina nel peggior posto dove questo possa capitare. Ovvero a Capo Finisterre, estremo angolo della Galizia, quindi al nord ovest della Penisola Iberica, da dove la flotta dovrà necessariamente passare prima di deviare verso la Bretagna attraversando la Biscaglia. Il tutto, come detto, in bolina, con possibilità di durissime condizioni e chance di rotture, per cui Ian Walker dovrà necessariamente essere conservativo mentre gli inseguitori dovranno bilanciare bene le necessità di recupero dai rischi.

“Non sarà facile ma affronteremo anche questa…”, ci ha detto poco prima della partenza Alberto Bolzan di Alvimedica. Ian Walker, lo skipper di Azzam leader della classifica, ha invece commentato: “Ci sarà vento leggero per le prime miglia lungo la costa portoghese, ma più avanti verso capo Finisterre, l’aria salirà fino oltre 30 nodi e sarà una lunga, dura bolina fino a Lorient. Sarà interessante, perchè finora non abbiamo navigato molto di bolina con vento. Potrebbe essere una tappa molto diversa dalle altre”.

Molte anche oggi le barche spettatori, che non darebbero fastidio. A farlo sono al solito i mezzi della polizia, di tutti i tipi, dai Fuzileiros, agli incursori di Marina presenti in tenuta da guerra su un mega gommone tutto nero, agli addetti della sicurezza che sembrano non avere la minima idea di come si svolga una regata. Insomma, con i loro movimenti e urla a dritta e sinistra finiscono per creare molto più moto ondoso dei tranquilli spettatori.

Il difficile passaggio alle boe davanti a Praça do Comercio. Alvimedica al momento è in seconda posizione dietro a Mapfre. Foto Ainhoa Sànchez/VOR
Il difficile passaggio alle boe davanti a Praça do Comercio. Alvimedica al momento è in seconda posizione dietro a Mapfre. Foto Ainhoa Sànchez/VOR

La partenza vede ancora una volta Mapfre, guidato da Xabi Fernandez visto che Iker Martinez è andato a Weymouth per la World Cup Nacra 17 (Rafa Trujillo al suo posto), scattare per primo a centro linea e aprire i Code 0. Il vento è un termine astratto, visto che al massimo si toccano i 3-4 nodi, se non meno dopo il Ponte del XXV Aprile sul Tago. Le boe da girare, infatti, sono posizionate in scenografico ancoraggio proprio di fronte alla suggestiva Praça do Comercio della bella Lisbona. Per arrivarci, però, occorre lottare contro la corrente e la risalita diventa snervante. Mapfre bordeggia con continue strambate lungo la costa nord del Tago, seguito dalla flotta. Arrivato, dopo non poche fatiche alla “Piazza”, si impantana un po’ e subisce il ritorno prima di Alvimedica e poi di Brunel. Finalmente il vento aumenta, quando la flotta ripassa sotto al ponte e complice una virata sbagliata degli spagnoli. Si chiudono i Code 0, con cui si è iniziata la bolina, visto che quell’enorme vela consente di risalire bene il vento fino a 6 nodi, e si issano i genoa.

Davanti a Belem, l’aria aumenta a una decina di nodi e Brunel guida su Mapfre e Alvimedica, con Abu Dhabi, in difficoltà nella bonaccia iniziale, che si rifà sotto. Poi è Vestas a prendere la testa in quella che si annuncia come una lunghissima bolina fino a Lorient.

Alvimedica oggi sul Tago. Foto Pinto
Alvimedica oggi sul Tago. Foto Pinto

Le ultime previsioni dicono che la flotta potrebbe raggiungere Lorient nelle prime ore di giovedì, 11 giugno.

Volvo Ocean Race Overall Standings:
1.  Abu Dhabi Ocean Racing – 16pts
2.  Team Brunel – 22pts
3.  Dongfeng Race Team- 22pts
4. Team Alvimedica – 27pts
5.  MAPFRE – 27pts
6. Team SCA – 43pts
7. Team Vestas Wind  -52pts

www.volvooceanrace.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here