SHARE

Malcesine- Un Moth di iniziazione… così può essere definito il nuovo WASZP presentato durante la The Foiling Week alla Fraglia Vela Malcesine. Si tratta, in pratica, di un Moth “low cost”, ideato e prodotto da Andrew McDougall, padre del Mach2 foiling Moth, con lo scopo appunto di aprire il mondo foiling a una platea più ampia di velisti, in termini di costo, peso ed esperienza.

Il WASZP alla presentazione
Il WASZP alla presentazione. Foto The Foiling Week

Grazie alla scelta tra tre vele, per accontentare velisti tra I 40 e 100 chili, le terrazze pieghevoli, per riporlo comodamente, è una piattaforma ideale per i principianti. I foil in alluminio sono retrattili per un varo ed un alaggio semplice come quello di tutte le altre derive. Lo scopo è fare del WASZP una classe ISAF monotipo è organizzare veloci e divertenti regate su nuovi percorsi con diverse andature.

Ne abbiamo parlato con Stefano Rizzi, miglior timoniere italiani sui Moth e iridato Master, che la vede così: “Una barca che permette di ampliare la base di potenziali aspiranti al mondo Moth, anche se ovviamente chi ha già provato il mondo Moth di ultima generazione la percepisce come un mezzo semplice e meno performante”.

Pare che alla presentazione siano fioccati gli ordini.

http://www.waszp.com

 

Sempre a proposito di Moth, alla Foiling Week si è svolta anche la tappa Eurocup, con ben 31 Moth in acqua. Successo dell’inglese Ben Paton, che ha preceduto proprio Stefano Rizzi e l’irlanedese Fitzpatrick. Quinto il giovane Stefano Ferrighi e sesto l’ex Luna Rossa Pierluigi De Felice, alla sua prima regata Moth. Tra i primi dieci anche 7.Mazzetti; 8.De Paoli; 10.Lanulfi.

Moth in azione a Malcesine. Foto Martina Orsini/The Foiling Week
Moth in azione a Malcesine. Foto Martina Orsini/The Foiling Week

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here