SHARE

Portsmouth, UK- Troppo vento (come noto a Eolo importa poco delle dirette TV e decide comunque lui) per la seconda giornata di regate a Portsmouth. La vittoria resta quindi nelle mani di Ben Ainslie, che è stato premiato dalla Duchessa di Cambridge, principale sostenitrice della sfida inglese all’interno della Royal Family.

BAR in azione a Portsmouth. Foto Martin Raget/ACEA
BAR in azione a Portsmouth. Foto Martin Raget/ACEA

Va a Ben Ainslie, idolo di casa, con il suo Land Rover Ben Aiunslie Racing la prima giornata di regate alla Louis Vuitton AC World Series Portsmouth.

Gli AC45F a Portsmouth
Gli AC45F a Portsmouth

Un esordio, a dir la verità, invisibile agli appassionati che si aspettavano di poter seguire la diretta streaming sul sito americascup.com, ma che invece si sono trovati davanti alla richiesta di pagare 8 dollari o 7,29 euro al cambio odierno, obolo da vwersare anche se si vuoil vedere il replay delle regate. Non proprio un modo ideale per soddisfare gli appetiti velici della “Facebook generation”. Va bene che Larry Ellison è ormai disinteressato alla Coppa e ha tagliato i fondi tanto che la Coppa America di Coutts deve trovarsi da sola i finanziamenti, ma forse oscurare la visibilità on line di un evento che vorrebbe vivere di adrenalina ed emozioni forti non è proprio il massimo, soprattutto dopo che si era annunciato che lo streaming sarebbe stato visibile, fatte salve le restrizioni territoriali, sul sito dell’evento. Non solo, sul canale YouTube di AC non c’è traccia del replay a diverse ore dalle regate. Un bel flop sulla rete ma un successo di pubblico a Portsmouth, dove circa 50.000 spettatori, tra terra e acqua, hanno assistito alla giornata di regate, all’ordine via hashtag #bringthecuphome.

Land Rover BAR in foiling
Land Rover BAR in foiling

Il circo degli AC45 foiling ha disputato le due prove previste con venti medi, con successi di Ben Ainslie nella prima e di ETNZL con l’astro nascente Peter Burling nella seconda.

Provisional Standings (after two races):
1. Land Rover BAR – 19 points 1-2
2. Emirates Team New Zealand – 18 points 3-1
3. ORACLE TEAM USA – 16 points
4. Groupama Team France – 13 points
5. SoftBank Team Japan – 13 points
6. Artemis Racing – 11 points

 

Portsmouth, UK- Dopo mesi di voci e controvoci, annunci, ritiri, sviluppo tecnologico, regole cambiate in corsa, polemiche e nuovi arrivi, il circo dell’America’s Cup ritorna finalmente in acqua, con la prima delle Louis Vuitton America’s Cup World Series, in programma a Portsmouth, in Inghilterra, da giovedì 23 a domenica 26 luglio. Ne seguiranno altre due nel 2015, a Goteborg dal 27 agosto e alle Bermuda dal 16 ottobre.

AC45F a Portsmouth. Foto Martin Raget
AC45F a Portsmouth. Foto Martin Raget

Insert download

Sono sei i team in regata con gli AC45 versione foiling, ognuno con 5 velisti a bordo. Il defender Oracle Team USA (Jimmy Spithill, USA) e gli sfidanti Land Rover Ben Ainslie Racing (Ben Ainslie, GBR), Emirates Team New Zealand (Peter Burling, NZL), Groupama Team France (Franck Cammas, FRA), Artemis Racing (Nathan Outteridge, SWE) e Softbank Team Japan (Dean Barker, JPN). Durissime fisicamente le regate sugli AC45F.

https://youtu.be/BXRE6ZmcGww

Il programma (che per la parte velica degli AC45F è di fatto ridotto a sabato e domenica) prevede per giovedì (giorno della visita della Duchessa di Cambridge, forte sostenitrice del team di Ben Ainslie) regate di esibizione, la conferenza stampa, eventi di contorno e una sail parade. Venerdì è dedicato agli speed test e a due practice race.

Sabato prime due prove ufficiali, a partire dalle 13:30 locali (le 14:30 CET) per circa 90 minuti complessivi. Domenica, sempre a partire dalle 13:30 locali, in programma la terza e quarta prova che decideranno il primo vincitore delle Louis Vuitton AC World Series.

Il percorso in uso a Portsmouth, partenza al traverso e due bastoni. Elaborazione Jack Griffin /Cupexperience.com
Il percorso in uso a Portsmouth, partenza al traverso e due bastoni. Elaborazione Jack Griffin /Cupexperience.com

Come si nota un formato totalmente differente dalla concezione classica delle regate veliche, che va incontro alle esigenze delle television, del web e degli spettatori dello show locale, attratti anche da un nutrito programma di eventi collaterali, da altre regate di Moth e kitesurf e da concerti live. La visione di una vela bella da praticare, ma invisibile da terra, per Coutts e attuali gestori della Coppa fa ormai parte del passato. La Coppa dei Flinstones non esite proprio più e non resta che seguire questa nuova versione che, come abbiamo verificato al Red Bull Foiling Generation, appassiona non poco gli Under 30. Un evento pensato sull’esempio degli sport professionistici americani, alla Formula 1 e alle emozioni, brevi ma intense, da offrire al pubblico e agli sponsor.

Schermata 07-2457226 alle 22.52.13

E a proposito di fruizione, ACEA ha annunciato oggi le sue piattaforme per il live streaming, con un nuovo servizio a pagamento (7,99 dollari per le ACWS di Portsmouth), l’AC+ disponibile su App e Web, che conste di seguire in diretta, nei Paesi dove questo è possibile gli eventi dell’America’s Cup e delle ACWS. AC+ opererà in parallelo agli accordi con le televisioni (conclusi accordi in un centinaio di Nazioni) e secondo le restrizioni territoriali. Il sevizio consente di vedere lo streaming live, interegendo con schermi per soggettive da bordo e una regia personalizzata secondo i gusti dell’utente. Resta inteso che attraverso l’App (Google Play e Apple Store) o il sito www.americascup.com si potrà accedere allo streaming gratuito. Tali servizi sono accessibili dall’Italia.

1 COMMENT

  1. piu che altro una volta pagati gli otto dollari avevi una connessione internet tipo fratelli lumiere con un frame ogni 15 secondi. Come ho detto anche al sito della AC una vergogna.
    Buon vento a tutti

    Luca arnuzxo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here